GE lancia i Predix Kit per gli sviluppatori di applicazioni IoT

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

I Predix Kit sono board programmabili dotate del software specifico per collegare al cloud GE oggetti e dispositivi industriali sul campo, dalle turbine ai pannelli solari

GE crede fermamente nella crescita della sua piattaforma Predix per lo sviluppo di applicazioni Internet of Things in ambito industriale e secondo l’azienda anche i numeri registrati sinora sono una conferma della bontà del progetto: circa 12 mila sviluppatori registrati al momento con una previsione di superare i ventimila entro fine anno. Per coinvolgere ancora più sviluppatori e per vedere concretamente i primi esempi di sistemi funzionanti GE ha presentato i Predix Kit.

Un Predix Kit è una combinazione di hardware e software che servono a realizzare un piccolo sistema che fa da ponte tra uno o più elementi di una infrastruttura industriale e il cloud di Predix. Lo scopo è appunto quello di semplificare il collegamento fra il mondo reale e i servizi di Predix, in modo che gli sviluppatori possano subito provare dal vivo a testare applicazioni e servizi.

Invece di impiegare magari ore per assemblare l’elettronica e il firmware necessari per implementare applicazioni IoT che sono eseguite nella periferia della rete e che comunicano con il cloud, i Predix Kit offrono una base collaudata e soprattutto standardizzata per la parte hardware e software. In questo modo, secondo GE, il tempo necessario a realizzare la base dei progetti si riduce a meno di un quarto d’ora.

GE e la centrale A2A di Chivasso
GE e la centrale A2A di Chivasso

Il componente principale dei Predix Kit è una board programmabile dotata dei moduli software ad hoc per ambiti particolari. Sono previsti al momento tre modelli di board (Raspberry Pi, Intel Edison o GE Field Agent per le applicazioni più “rugged”), che saranno compatibili con dispositivi GE e non-GE e si interfacceranno con i microservizi di Predix. In una prima fase i Predix Kit saranno limitati agli sviluppatori selezionati da GE e ai partner dell’azienda. La disponibilità a tutto il pubblico degli sviluppatori è prevista per fine anno.

GE indica che man mano svilupperà vari kit per applicazioni specifiche, in modo da collegare al cloud di Predix componenti anche molto diversi fra loro. L’azienda ha ad esempio anticipato il lancio dei Predix Solar Kit, per collegare in rete pannelli solari dotati dei sensori per valutare parametri energetici ma anche atmosferici, e dei Predix Safety Kit per monitorare i livelli di ossigeno e altri parametri ambientali in situazioni di lavoro estreme come le miniere.

Read also :