EMC World 2014. Tutta EMC mobilitata attorno al cloud ibrido

Network

La nuova soluzione EMC Hybrid Cloud è in grado di gestire cloud privati e pubblici. Non solo VMware, ma apertura a Openstack e Microsoft

In occasione dell’EMC World 2014, EMC ha annunciato una seconda ondata di innovazioni che permettono di combinare i vantaggi del cloud pubblico con quelli del cloud privato offrendo ai clienti la facilità d’uso, l’agilità, la sicurezza e il controllo di un cloud ibrido. Il quadro è quello di un‘adunata di forze tra EMC e le sue controllate VMware, Pivotal e RSA per una proposta di una Software Defined Enterprise che si appoggia a un Software Defined Data center. La soluzione proposta si adatta sia ai data center aziendali sia a quelli dei service provider con una garanzia di funzionamento in ogni livello di ibridazione.
Come ha confermato David Goulden, CEO, EMC Information Infrastructure, “l’interesse verso il cloud ibrido nasce dal fatto che esso permette ai clienti di far girare le applicazioni in modo semplice ed economico, internamente o esternamente ai loro data center; inoltre mitiga i compromessi in termini di controllo e sicurezza che occorre affrontare con un cloud pubblico. Le innovazioni che EMC ha dedicato al cloud ibrido – e la propria strategia – sono studiate per offrire a clienti e service provider non solo il livello di controllo e sicurezza di un cloud privato, ma anche la facilità d’uso, l’agilità e l’efficienza che occorrono per continuare a ridefinire l’IT”. A questo proposito la “federazione” delle aziende che compongono la galassia EMC (VMware/EMC/Pivotal/RSA ) hanno preso una ferma posizione riguardo al cloud ibrido. In soccorso viene anche un’analisi di Gartner che indica che il 75 per cento delle imprese intende investire nel cloud ibrido entro il 2015.

EMC ha presentato ulteriori innovazioni nell’ambito del cloud ibrido proprio per aiutare le aziende a gestire meglio le applicazioni enterprise tradizionali, a completare più rapidamente il deployment delle applicazioni di nuova generazione con livelli inediti di efficienza e velocità, e a gestire più facilmente le informazioni. Infatti la nuova soluzione EMC Hybrid Cloud permette ai clienti di costruire in modo rapido, veloce ed economico un cloud ibrido . EMC Hybrid Cloud – una nuova architettura di riferimento end-to-end costruita sulle soluzioni EMC per cloud privati – permette ai clienti di integrarsi rapidamente con più cloud pubblici in modo da creare un cloud ibrido unificato. La soluzione aumenta le prestazioni, la sicurezza e la conformità del cloud privato di un’azienda con i servizi on-demand compatibili offerti dai Cloud Service Provider le cui infrastrutture sono basate su EMC.

La  federazione  di EMC e delle controllate , VMware,Pivotal  e RSA
La federazione di EMC e delle controllate , VMware,Pivotal e RSA

La soluzione si basa su un’architettura di Software-Defined Data Center comprendente tecnologie messe a punto dalle società che fanno capo a EMC: storage e protezione dati EMC, Pivotal CF Platform-as-a-Service (PaaS) e Pivotal Big Data Suite, soluzioni VMware per la virtualizzazione e la gestione cloud, e VMware vCloud Hybrid Service. La soluzione EMC Hybrid Cloud supporta attualmente gli ambienti VMware e sarà presto estesa anche agli ambienti OpenStack e Microsoft. Una nuova suite di servizi di EMC può aiutare gli utenti a implementare rapidamente la soluzione EMC Hybrid Cloud all’interno dei loro ambienti IT. Una volta completato il deployment della soluzione, i clienti possono avvalersi del portafoglio di servizi avanzati EMC per valorizzare tutti i vantaggi messi a disposizione da un cloud ibrido, dalla modernizzazione delle applicazioni, dalla migrazione dei workload e dai modelli IT-as-a-Service (ITaaS). L’utente business di EMC Hybrid Cloud ha a disposizione un portale self-service che offre un catalogo personalizzato di servizi addebitati in funzione del consumo effettivo. Questo ambiente risiede all’interno di un data center sicuro e protetto che garantisce costi inferiori e un’efficienza superiore con livelli di servizio di classe enterprise.

Altri annunci riguardano :
• EMC Supplier Exchange: una nuova soluzione SaaS per cloud pubblici sviluppata per aiutare i clienti a razionalizzare in sicurezza la gestione di forniture e consegne contrattuali, accelerando il raggiungimento degli obiettivi finanziari. Progettata per il settore dell’energia e dell’ingegneria, EMC Supplier Exchange propone un approccio innovativo alla collaborazione con tutti i vantaggi di Pivotal CF, la principale soluzione PaaS enterprise basata su Cloud Foundry.
• EMC Syncplicity: Syncplicity Connector for SharePoint, che permette agli utenti business di consultare e modificare i propri file SharePoint usando la app Syncplicity sui rispettivi dispositivi mobili. Syncplicity è stata arricchita anche con la funzione StorageVault Authentication per meglio proteggere i file condivisi.
• EMC InfoArchive: implementa un archivio unificato che salvaguarda il valore delle informazioni enterprise. Basato su standard aperti, InfoArchive riunisce contemporaneamente contenuti non strutturati, dati strutturati e record ibridi.

Ma è stata anche una giornata dedicata da EMC ai rapporti con i partner. In occasione dell’evento 2014, EMC ha annunciato il nuovo Business Partner Program (BPP) globale che riunisce tutti i precedenti programmi per creare un’esperienza semplice, prevedibile e redditizia per ciascun partner. I partner – coinvolti in più programmi – hanno la possibilità di usare in modo trasversale il budget e i crediti formativi ottenuti durante un singolo programma, per ridurre i costi e investire in nuove linee di business con EMC. Per i partner qualificati in VMware, Pivotal, RSA e programmi VCE, EMC offre programmi trasversali di crediti formativi per ridurre significativamente gli investimenti del partner nelle vendite o nelle certificazioni tecniche. EMC offrirà ulteriori incentivi ai partner che si stanno qualificando per rivendere soluzioni basate su una combinazione di EMC, VMware, Pivotal e su tecnologia VCE.

I nuovi prodotti ‘Partner Only’ includono l’array VNXe3200 e il sistema DD2200 con miglioramenti al portafoglio EMC VSPEX Proven Infrastructure, con 11 configurazioni che fanno leva sui nuovi array VNXe nonché i sistemi Data Domain.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore