Dell insicura su come andrà il mercato server per l’architettura ARM

CloudNetworkServer

Il campo di battaglia sembra ancora aperto tra le due architetture server , ma la spinta dell’architettura ARM – a detta di Dell – si sta affievolendo nel mercato

Dell è stata negli ultimi anni tra i produttori di server di più alto profilo che ha guardato con interesse ai chip in architettura ARM per un loro utilizzo anche nei data center. Il produttore texano ha un certo numero di progetti in corso – con i nomi in codice Copper e Zinc – in grado di realizzare sistemi alimentati con processori ARM. Nello scorso febbraio ha poi annunciato un progetto per la realizzazione di un sistema proof of concept che permetta a organizzazioni e a programmatori di accedere via Internet a sistemi basati sul SoC X-Gene di Applied Micro in architettura ARM a 64 bit . I sistemi si trovano fisicamente nel Dell Solutions Center in Texas.

 

L’atteggiamento – piuttosto guardingo – di Dell ora può essere così espresso :” Non c’è ancora nulla di scritto. Ma se esiste una domanda da parte degli utenti, siamo in grado certamente di soddisfarla”. Insomma pronti a entrare nel mercato se in qualche modo si materializzerà. I SoC a basso consumo basati su ARM sono presenti in smartphone e tablet . D’altra parte in diverse occasioni ARM ha dichiarato che la crescente domanda di efficienza energetica nei data center ha creato un’opportunità per questo tipo di architettura in grado di competere ad armi pari con Intel. I chip in architettura ARM sono prodotti da Qualcomm, Samsung , Texas Instruments e Nvidia.

Nei mesi scorsi anche chip maker come AMD o Applied Micro hanno presentato SoC basati su ARMv8-A al servizio dei server . I chip sono attesi per il prossimo anno. Di recente AMD ha poi presentato un kit di sviluppo che si basa sul chip Opteron A1100 Seattle. Nel medesimo giorno Red Hat ha poi annunciato un programma per lo sviluppo di una piattaforma per server basti su ARM.

dell arm

Ma Dell non è la sola. Anche HP sta pianificando l’uso di SoC ARM ( di AMD, Applied Micro e Marvell Technology) nei suoi sistemi Moonshot. Ma in questo momento le prime versioni dei moduli per server si basano ancora sulla piattaforma Atom di Intel. D’altra parte in questo momento il progetto ARM sembra ritardato da problemi nella produzione di chip. Inoltre Calxeda, uno dei pionieri in questo campo , ha chiuso i battenti a fine 2013, mentre Samsung e Nvidia sembrano sul punto di ritirarsi.

Per di più sul piano tecnologico sia Intel che AMD sono state piuttosto attive nel ridurre le esigenze energetiche dei loro chip in architettura X86 arrivando vicine alle medesime prestazioni dell’architettura ARM. Inoltre adottare server in architettura ARM significa passare a nuovi software di ambiente e almeno alla ricompilazione dei programmi applicativi esistenti. Il campo di battaglia sembra ancor aperto tra le due architetture server , ma le spinte dell’architettura ARM– a detta di Dell – si sta affievolendo nel mercato.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore