Con i processori Qualcomm IPQ , dopo gli smartphone le smart-home

MobilityNetwork

Il mercato IOT è in pieno fermento e anche Qualcomm non vuole restare indietro .Una nuova gamma di processori Atheros IPQ (Qualcomm Internet Processor).

Largamente associata alla mobilità grazie soprattutto alla piattaforma Snapdragon, Qualcomm desidera estendere il perimetro anche alle applicazioni di domotica all’interno delle reti intelligenti. Per questo Qualcomm Atheros, filiale di Qualcomm, annuncia una gamma tutta nuova di processori che portano il nome di IPQ (Internet Processor Qualcomm).

Qualcomm-snapdragon

Qualcomm intende così proporre una piattaforma solida adatta per essere adottata dai costruttori OEM ed entrare così nelle nostra case. Atheros è entrata nella squadra di Qualcomm nel maggio del 2011 grazie a un accordo finanziario valutato in 3,1 miliardi di dollari. Divenuta Qualcomm Atheros la filiale continua ad essere conosciuta per i suoi componenti relativi al WiFi.

Qualcomm ha recentemente mostrato un interesse molto forte per i set top box con alcune applicazioni di Snapdragon. I processori IPQ sono invece specificamente sviluppati per entrare anche in router e server multimediali per una gamma più ampia di servizi. La trasformazione della casa in “smart home” è nei progetti di Qualcomm con i suoi nuovi processori.

Nel dettaglio l’offerta si traduce in due nuovi SoC della gamma IPQ con processori dual core Krait a 1,4 GHz in grado di supportare a 3 Gbps connessioni Ethernet, LTE e WiFi 802.11ac. Dispongono di tre interfacce PCIe , una porta Sata 3 e due porte Usb 3 e gestiscono RAM DDR3 a 1066 MHz. I primi prodotti finiti sono attesi per il primo semestre del prossimo anno.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore