Cisco presenta Application Centric Infrastructure : al centro della rete le prestazioni applicative

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La promessa di una semplificazione del networking dei data center senza passare per soluzioni SDN di virtualizzazione

Cisco presenta l’infrastruttura ACI (Application Centric Infrastructure) che per obiettivo quello di permettere ai clienti di sfruttare al massimo le proprie applicazioni . Cisco offre una soluzione per data center e cloud che permette di avere piena visibilità e gestione integrata delle risorse IT di reti fisiche e virtuali, il tutto progettato sulla base dei requisiti delle applicazioni. Ma attenzione a non parlare di virtualizzazione delle reti. L’annuncio dei nuovi apparati che compongono l’infrastruttura ACI avviene in contemporanea con quello dell’acquisizione per 863 milioni di dollari di Insieme Networks, una società composta da ex dirigenti di Cisco e descritta come uno “spin in”.

Nel presentare l’infrastrttura di rete , di cui si parlava da tempo, Cisco ha posto l’enfasi sulle prestazioni applicative come strumento di misura delle prestazioni tecniche in modo da attirare l’attenzione sull’annuncio non solo degli amministratori di rete , ma anche dei CEO e dei dirigenti aziendali interessati alle attività di business. Durante la presentazione di ACI, John Chambers, CEO di Cisco, ha sottolineato l’importanza dell’IT di adattarsi rapidamente ai requisiti delle applicazioni. Le applicazioni sono diventate la linfa vitale del business. Per i CIO, la coerenza e le elevate prestazioni delle applicazioni sono fondamentali per poter offrire nuovi prodotti e servizi, gestire le normative e le governance aziendali, mitigare i rischi e le minacce alla sicurezza, potenziare i dipendenti e favorire la produttività nelle loro organizzazioni.

ACI associa le innovazioni software, hardware, di sistema a un modello di policy di rete application-aware creato in base a API aperte per ridurre i tempi di implementazione delle applicazioni da mesi a minuti. Le innovazioni fornite da ACI allo switching di data center, permettono alla rete di rispondere rapidamente ai team di sviluppo delle applicazioni, permettendo allo stesso tempo di risparmiare fino al 75% sul TCO rispetto agli switch basati su silicio commerciale e alle soluzioni software di virtualizzazione della rete. ACI è composto dall’Application Policy Infrastructure Controller (APIC), dal portfolio di apparati Nexus 9000, e dalla versione migliorata del sistema operativo NX-OS.

Il nuovo Nexus 9000 è l’elemento chiave della soluzione Cisco ACI . La serie Nexus 9000 offre configurazioni switch modulari e fisse 1/10/40 Gigabit Ethernet. Questi switch sono progettati per operare sia in modalità NX-OS standalone che ACI per beneficiare di servizi basati sulle policy delle applicazioni e di funzioni di automazione dell’infrastruttura ACI. Questa duplice funzionalità fornisce protezione degli investimenti e un percorso di migrazione all’infrastruttura ACI tramite un aggiornamento software.

Il portfolio include:
Switch Cisco Nexus 9508: uno chassis compatto 13RU a 8 slot a elevata densità e implementazioni con livello di aggregazione10/40GbE a elevate prestazioni.
• Switch Cisco Nexus 9300: switch fissi progettati per implementazioni top-of-rack o Switch Cisco Nexus 9396PX – uno switch 960G con 48 porte SFP+ fisse 10GE e 12 porte QSFP+ 40-Gbps
o Cisco Nexus 93128TX – uno switch 1.28T con 96 porte fisse 1/10GBASE-T e 8 porte QSFP+ 40-Gbps

Nella prima metà del 2014, Cisco prevede di ampliare la famiglia di switch Nexus 9000 per includere un sistema a 4 e 16 slot e un ulteriori modelli top-of-rack. Ulteriori dettagli saranno resi noti nei prossimi mesi.

Cisco è stata esplicita nel proporre ACI come una soluzione alternativa alle reti cosiddette SDN , come NSX di Vmware , che utilizzano il protocollo VXLAN pe incapsulare il traffico di rete virtuale per trasportalo lungo la rete fisica. Viene tuttavia fornito ampio supporto per la virtualizzazione: gestione virtuale e automatizzata delle policy di rete e telemetria con Microsoft Hyper-V, RedHat KVM, VMware vSphere e altre piattaforme di virtualizzazione. Cisco ha inoltre presentato lo switch Cisco Application Virtual Switch (AVS) creato appositamente per gli ambienti virtuali ACI. Cisco ha inoltre annunciato un ecosistema di aziende leader di mercato per aiutare i clienti a sfruttare, personalizzare e ampliare i loro investimenti IT esistenti tramite Cisco ACI. I leader tecnologici che hanno aderito ad oggi includono: BMC, CA Technologies, Citrix, EMC, Embrane, Emulex, F5, IBM, Microsoft, NetApp, OpsCode, Panduit, Puppet Labs, NIKSUN, Red Hat, SAP, Splunk, Symantec, VCE, e VMware.

Cisco, VmWare, Microsoft,la OpenStack Foundation e altri fornitori e difensori dell’open source sono ai ferri corti per ottenere sul mercato il controllo dei data center convergenti compreso computing, storage e networking. Alcuni osservatori vedono la strategia ACI di Cisco come un tentativo di superare la competizione su un altro terreno mettendo l’accento sulla prestazioni della rete legate alle applicazioni di business. Sembra sia stata tirata una linea tra Cisco e gli altri fautori di una rete SDN come l’alternativa basata su software che fa uso di hardware come commodity.

Read also :