Cisco crede nell’IOT e crea un gruppo ad hoc

Network

Cisco sta creando in maniera aggressiva una strategia IOT che fa leva sulla sua offerta di networking

IOT è decisamente il tema di fine anno per Cisco, che non si è lasciata scappare l’occasione dell’ Internet of Things World Forum di Barcellona per delineare alla platea i suoi piani di accelerazione per l’adozione dell’Internet degli oggetti (IOT). Prima mossa è la creazione di un Internet of Things Group che coordinerà lo sforzo attraverso i prodotti già esistenti in seno all’azienda: switch, router, sicurezza e tecnologia embedded.

Il gruppo, guidato da Guido Jouret come general manager, unificherà diversi programmi interni, Connected Industries, Connected Energy e Physical Security . “L’Internet of Things richiede innovazione in alcune aree tecnologiche chiave, quali sensori, reti, analisi dei dati, sistemi di controllo” ha spiegato Guido Jouret . “Vinceremo la sfida di connettere gli oggetti che si trovano al di fuori dei confini relativamente sotto controllo delle aziende. Ci occuperemo di controllo, di resilienza, di sicurezza, di analytics, di intelligenza applicativa per la connettività IOT” .

Con la sigla IOT ci si riferisce alla rapida crescita di numero dei cosiddetti Smart device – dalle macchine industriali alle automobili, agli elettrodomestici fino ai dispositivi mobili – che sono interconnessi via Internet, comunicano tra loro e generano grandi quantità di dati. In un suo recente rapporto Cisco ha prevsito che entro il 2017 ci saranno 3,6 miliardi di persone collegate a Internet e oltre 19 miliardi di collegamenti , fissi e mobili, anche di tipo M2M. Entro il 2020 i dispositivi connessi saranno 50 miliardi , ma al momento sono 12,5 miliardi. All’interno di questo promettente scenario Cisco si muoverà con la sua tecnologia di rete che farà da piattaforma all’IOT. Il nuovo gruppo di Cisco si focalizzerà su diversi mercati ; trasporti, energia , smart cities, attività M2M per service provider.

Ma il progetto fa parte del più largo insieme che in Cisco  prende il nome di Internet of Everything, non solo macchine, ma persone , dati e processi. Oltre ad altri vendor come IBM , anche i fornitori di tecnologie di base come ARM , Intel e AMD stanno producendo processori per la realizzazione di sistemi IOT. ARM ha annunciato il processore Cortex MO+, Intel ha annunciato a settembre la sua gamma di chip Quark, AMD sta arricchendo il suo portfolio di prodotti per il mondo embedded.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore