Cina e Intel nella galassia dei supercomputer

Network

In Cina il supercomputer più veloce del mondo. Il Tianhe-2 utilizza il nuovo coprocessore Xeon Phi di Intel

La Cina riapre la competizione dei supercompuer e grazie all’utilizzo del nuovo coprocessore Xeon Phi di Intel disporrà del supercomputer più veloce del mondo . Il suo nome è Tianhe -2 , ovvero Milky Way 2 in inglese. Lavora a una velocità di 33,86 Peta Flops (operazioni in virgola mobile al secondo). E scala al top della più recente lista dei Top 500 supercomputer al mondo. Comprende 48.000 coprocessori Intel Xeon Phi e 32.000 processori Intel Xeon Ivy Bridge per un totale di 3120 mila core. Con prestazioni di picco pari a 54,9 PFlops (54,9 quadrilioni di operazioni in virgola mobile al secondo) , offre oltre il doppio delle prestazioni rispetto al primo della stessa classifica nella scorsa edizione della classifica Top 500.

Xeon-Phi-2-247x180

Si tratta del primo sistema esclusivamente basato su tecnologia Intel che conquista la vetta di questa classifica dal 1997. Costruito dalla National University of Defence Technology sarà pienamente operativo entro la fine dell’anno – due anni prima del previsto – e rappresenta un cambiamento di strategia per il supercomputing cinese , dato che la precedente macchina numero uno – Xianhe 1 – usava coprocessori Nvidia.

 

 

intel-xeon-phi-product-family

Dopo l’introduzione del coprocessore Intel Xeon Phi, avvenuta sei mesi fa, i processori Intel Xeon e i coprocessori Intel Xeon Phi sono diventati una potente combinazione ormai installata in molti dei supercomputer più veloci del mondo. I coprocessori Intel Xeon Phi basati su architettura Intel Many Integrated Core ( MIC) rispondono all’esigenza di una tecnologia caratterizzata da prestazioni più elevate ma con una maggiore efficienza energetica e più intuitiva.

Il nuovo record è stato annunciato nel primo giorno della International Supercomputing Conference a Lipsia in Germania . Il precedente record era detenuto da Titan presso l’ Oak Ridge National Laboratory negli Stati Uniti , un Cray XK7 da 17.59 PetaFlops, basato su coprocessori Tesla Nvidia.

Secondo le previsioni, il giro d’affari annuo del segmento di mercato dei server HPC (High Performance Computing) è destinato ad aumentare del 36%1, passando da 11 miliardi di dollari a 15 miliardi di dollari nei prossimi quattro anni. Questa crescita del segmento dei supercomputer continua a essere stimolata dall’esigenza di accelerare le operazioni di calcolo e simulazione e di prendere decisioni più rapide e informate in diversi settori. I supercomputer vengono utilizzati per lo sviluppo di previsioni meteo più accurate, l’esplorazione di risorse ad alta efficienza energetica, il sequenziamento del genoma umano e l’analisi dei big data.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore