Brocade acquisisce Foundry per sfidare Cisco

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Lo specialista di switch San si porta a casa uno dei leader nei router Ip per circa tre miliardi di dollari

L’americana Brocade, azienda di primissimo piano nel settore delle reti San (Storage Area Networks) ha acquisito la compatriota Foundry, produttore di switch e router Ethernet/Ip, per un valore stimato sui 3 miliardi di dollari.

Più o meno, si tratta di un mini-sisma nel mondo della commutazione di rete. Brocade, infatti, si è costruita il proprio nome nel mondo delle San, partendo storicamente dagli switch Fibre Channel, che permettono di interconnettere i server di un’infrastruttura con sistemi a disco creati da differenti costruttori. Foundry, invece, è uno dei principali attori nel mercato della commutazione Ethernet/Ip, con un catalogo che spazia dagli switch Ethernet enterprise (da 100 Mbit/s a 10 Gbit/s) ai router e Mpls per carrier.

Il nuovo agglomerato sarà diretto dall’attuale presidente di Brocade, Michael Klayko, ma i prodotti Foundry manterranno il brand d’origine. Per l’acquirente, si tratta di fare il salto da un mercato specialistico del valore di circa 2 miliardi di dollari a un comparto più costruito sui volumi e decisamente più ampio (circa 20 miliardi di dollari nel complesso). L’operazione sembra mettere insieme due realtà complementari, con cataloghi compatibili e facilmente integrabili, ma soprattutto entrambe concorrenti, nei rispettivi ambiti, di Cisco. La mossa di Brocade appare come una sfida aperta al gigante delle reti, che, seguendo un percorso inverso, è sbarcata da poco tempo sul mercato della commutazione San, con una propria offerta.

Sul fronte della distribuzione, il merge potrebbe creare qualche problema ai grandi costruttori di server, che perlopiù si appoggiano a Brocade per fornire soluzioni San complete. Hp, per esempio, dispone di un’offerta propria di switch Ethernet/Ip, che si trova in concorrenza con quella di Foundry. Quest’ultima porta in dote circa 1.100 dipendenti e un giro d’affari di 600 milioni di dollari, mentre Brocade nel 2007 ha realizzato un valore circa doppio.

Read also :