Alleanza globale tra Cisco ed Ericsson

CloudLteM2MMobilityNetworkRetiService providerVirtualizzazione

Nasce una partnership strategica ad ampio spettro fra Cisco ed Ericsson: tocca tutti i principali tipi di rete e si concentra su service provider, mobility e IoT

Cisco ed Ericsson hanno dato vita a una partnership strategica ad ampio spettro che le vedrà impegnate congiuntamente sia dal punto di vista dello sviluppo tecnologico sia come approccio al mercato. Si tratta infatti di una partnership che riguarda tutte le aree di attività delle due aziende: routing, datacenter, networking, cloud, mobility, management e servizi.

Più precisamente, le sue aziende intendono muoversi congiuntamente su tre fronti. Il primo riguarda i service provider, a cui viene ora offerto un portafoglio di prodotti e servizi completo. Il secondo tocca la diffusione della mobility nelle imprese e si basa sullo sviluppo di un’architettura di rete sicura per le infrastrutture integrate indoor e outdoor. Terzo ambito è quello dell’IoT: Cisco ed Ericsson intendono combinare le rispettive competenze per sviluppare le piattaforme e i servizi necessari a velocizzare la diffusione dell’Internet of Things.

Chuck Robbins, prossimo Ceo di Cisco
Chuck Robbins, CEO di Cisco

Le due aziende pongono l’accento sulla complementarietà delle rispettive offerte e sul fatto che la partnership copra tutte le principali architetture di rete: 5G, cloud, IP, Internet of Things. In quest’ultimo e particolarmente promettente caso la copertura delle soluzioni congiunte va dai dispositivi alla rete di accesso e di core sino ai datacenter. Complementari sono giudicate anche le attività non strettamente tecnologiche, come consulenza, integrazione e supporto.

La partnership tra Cisco ed Ericsson prevede un accordo di licenza incrociata per i rispettivi brevetti, una decisione che velocizza ulteriormente lo sviluppo tecnologico. Le due aziende prevedono che l’accordo porti a entrambe un maggior fatturato già il prossimo anno, fatturato aggiuntivo che è previsto diventi di oltre un miliardo di dollari per ciascuna entro il 2018.

Chuck Robbins, Chief Executive Officer di Cisco, ha spiegato che le due aziende stanno lavorando da circa un anno alla definizione di una strategia che permettesse di partire subito concretamente. L’opinione degli osservatori è che l’accordo sia sostanzialmente una quasi-fusione, nel senso che vuole raggiungere i medesimi risultati ma senza i tempi e le complicazioni strutturali che una vera acquisizione avrebbe comportato.

Read also :
  • cisco
  • ericsson
  • Internet of Things
  • News
  • nfv
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore