A Intel piace anche il networking e compra Aepona

EnterpriseNetwork

L’acquisizione di Aepona sottolinea l’interesse di Intel per il settore del networking . E’ recente l’ingresso nel segmento delle reti SDN

Non solo sicurezza via McAfee, ma anche networking per Intel . Tra i fronti aperti per Intel c’è anche quello meno riconoscibile del networking . Ora nel mirino del gigante dei chip entra una piccola software house i cui prodotti permettono alle Telco e ai service provider di offrire più servizi sulla loro rete.

La nuova conquista di Intel è una società irlandese di 300 dipendenti di nome Aepona. In un comunicato Intel sottolinea il valore che la nuova acquisita recherà al suo ecosistema per l’innovazione tecnologica. Aepona sviluppa software che permette ai service provider di aprire in modo più semplice le loro reti agli sviluppatori di servizi da offrire alla clientela finale facendo leva su API specializzate. La piattaforma di Aepona permette di condividere le tecnologie tipiche delle telecomunicazioni relative alla geolocalizzazione, ai pagamenti e all’autenticazione ina una sorta di paniere cloud di API di servizi.

Infatti Telco e service provider sono alla costante ricerca di nuove modalità di valorizzazione delle loro reti attraverso nuovi servizi da offrire alla clientela . In casa Intel l’affare concluso con Aepona è in linea con la strategia di diversificazione e di apertura di nuovi mercati al di fuori di quello dei processori. Tra le acqusizioni di Intel nel ramo si contano Infiniband di QLogic, gli asset di interconnessione per HPC di Cray . Nel 2011 Intel ha comprato Fulcrum Systems che produce chip Ethernet.

Ma l’annuncio più importante di Intel è stato nello scorso aprile con l’ ingresso nel settore in esplosione delle reti SDN dopo aver delineato una strategia che va oltre la semplice realizzazione di processori per le reti con una serie di architetture di riferimento per funzionalità di virtualizzazione delle reti, in diretta competizione sia con Cisco che con Broadcomm. Tra le altre mosse di Intel in area SDN ricordiamo l’investimento da 6,5 milioni di dollari in Big Switch Systems e la partecipazione all’ OpenDaylight Project per una comune piattaforma SDN.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore