Garita (AVM): Italia fanalino di coda sulla banda? Cavalchiamo l’opportunità

BroadbandMobilityNetworkReti

Gianni Garita, country manager AVM in Italia, racconta i primi 15 anni di Fritz!Box ed esprime opinioni sul 5G, modem libero e ruolo dei rivenditori

In 20 anni l’Italia è diventata il secondo mercato, dopo la Germania, per AVM e da 15 il Fritz!Box sta per diventare maggiorenne. Di strada ne ha fatta da quel 2004 quando al Cebit di Hannover venne alzato il sipario sul prodotto: un router e un modem integrato con, all’epoca, 8 megabit al secondo. La tecnologia era base, nel 2009 con l’Adsl è arrivata nuova tecnologia e il Fritz!Box 7390 all in one. Nel 2014 arrivò il 7490 che aveva consolidato tecnologia affidabile con collegamenti fino a 100 megabit diventando fiore all’occhiello. Si arriva poi al 2017 con il 6890 per avere il primo modem modem router ibrido che combina la parte fissa e la integra con il 3 e il 4G, fino ad arrivare al 7583 presentato all’ultima edizione del MWC.

Gianni Garita, Country Manager Italy AVM

Quindici anni vitali che hanno posizionato bene il FritZ!Box sia in ambito tecnologico sia commerciale. Gianni Garita, country manager AVM in Italia spiega questo e aggiunge di essere molto vicino al mercato attraverso la collaborazione con un numero elevato di operatori regionali e la vicinanza ai consumatori attraverso i social media e alle richieste che arrivano dallo stesso mercato.

Il digital divide e il 5G

Da sempre tallone d’Achille dell’Italia, che è posizionata non troppo bene per velocità di banda, Avm ci vede un’opportunità perché un paese con potenzialità. “Per noi di Avm è importante lanciare soluzioni innovative cercando di far capire vantaggi che alcune soluzioni portano e pensiamo che i partner ci supportino in questo: vince l’innovazione anche in Italia in attesa che sia competitiva anche in velocità delle linee. Per gli operatori si aspettano grandi investimenti. Se pensiamo al 5G, durante l’ultimo MWC è stata una tematica affrontata anche dai nostri partner. Da parte nostra siamo anche pronti a implementare il 5G e sappiamo che l’offerta di 5G e di dispositivi per i ripetitori arriverà a breve. Anche noi di AVM siamo in piena pianificazione su questa tematica”, dice Garita.

Modem Libero

Dopo la delibera dell’Agcom che ha dato libertà di scelta del modem agli utenti finali, per i consumatori si sono aperti vantaggi in termini di libera scelta, appunto, e risparmio di costi. Ma Garita vede vantaggi anche per i rivenditori che possono dare del valore aggiunto, specie quando vanno a installare presso Pmi, integrando loro servizi al modem che le realtà hanno scelto. “Il rivenditore ha difficoltà a marginare sulla vendita del solo dispositivo ma ha un grande vantaggio rappresentato dall’installazione dello stesso oggetto: la liberalizzazione del modem ha un forte impatto positivo sul canale btob dei rivenditori”, dice Garita.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore