Panasonic Toughpad FZ-F1 e FZ-N1, si alleggeriscono anche gli indistruttibili

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

VIDEO – Da metà anno disponibili in Italia i due nuovi handheld rugged di Panasonic per la logistica in mobilità: Toughpad FZ-F1 e FZ-N1 sono molto leggeri e hanno il lettore di codice a barre orientato. La lettura del mercato di Elia Lupi, responsabile Computer Product Solution Panasonic per l’Italia

A giugno Panasonic porta in Italia il nuovo handheld Toughpad FZ-N1 – Android 5.1.1 (con Android for Work) – e più avanti nel corso dell’anno arriverà anche la versione Windows Toughpad FZ-F1.

Entrambi i dispositivi sono a tutti gli effetti mini tablet rugged (certificati IP67 per la resistenza a polvere, acqua e cadute da 1,8 m) ‘manabili‘ con lettore barcode integrato. Sarebbe troppo riduttivo farli rientrare nella categoria degli smartphone, anche se è verissimo che più Panasonic lavora di lima sui suoi Toughpad (e migliora l’ergonomia, la portabilità e la leggerezza), più si avvicina all’ideale di uno smartphone tutto fare e indistruttibile che inizierebbe a far gola a molti, in più ampi segmenti di mercato. Si pensi anche solo al confronto con i modelli handheld Toughpad FZ-E1 e FZ-X1. Questi ultimi hanno sì certificazione IP68, più robusta (resistono a cadute anche da 3 metri), ma sono decisamente più ingombranti e pesanti rispetto ai modelli pronti all’esordio.

Panasonic Toughpad FZ-N1
Panasonic Toughpad FZ-N1

Ne abbiamo parlato con Elia Lupi, General Manager Italia e Central Eastern Europe, per la divisione Computer Product Solution di Panasonic (in video), con cui abbiamo cercato di ‘inquadrare’, caratteristiche e scenari di vendita dei due dispositivi in Italia:  le nuove proposte – al di là delle loro specifiche – soddisfano i bisogni del comparto postale che vuole ripensare i modelli di interazione con i clienti.

Toughpad FZ-F1 e FZ-N1 specifiche e caratteristiche

Toughpad FZ-F1 e FZ-N1 sono stati presentati proprio in occasione di MWC 2016, ora abbiamo date e anche prezzi certi per l’Italia, con la versione Android a partire da 1.715 euro (Iva esclusa), mentre Toughpad FZ-F1 sarà uno dei primi modelli con Windows 10 IoT Mobile Enterprise (che giustifica l’attesa) e sarà disponibile a 1.746 (Iva esclusa).

Leggerezza prima di tutto: questi device, dotati di connettività 3G/4G (doppio slot per microSIM), e ovviamente dati e voce, sono ideali per specifici utilizzi, quando sono ricercate alte caratteristiche di mobilità nella logistica (poste, trasporti, retail, ma anche industria manifatturiera), pesano circa 280 grammi, stanno in una mano. Il lettore di codici a barre (1D/2D) si utilizza senza sforzare le articolazioni, in posizione naturale: non è il polso che si contorce, ma è il lettore già inclinato correttamente a fare il proprio lavoro, e anche i mancini hanno un tasto dedicato di attivazione sul lato che preferiscono.

Panasonic Toughpad_FZ-F1 e FZ-N1 - il lettore di codici a barre
Panasonic Toughpad_FZ-F1 e FZ-N1 – il lettore di codici a barre

Si possono utilizzare i device anche con i guanti, con una penna passiva o una attiva (come accessori) e il display da 4,7 pollici multi-touch e capacitivo ha la risoluzione HD, resiste alla pioggia battente e resta ben visibile anche sotto la luce del sole.

Entrambi i modelli sono spessi appena 1,6 cm (esclusa la parte del lettore di codici a barre), la qualità audio è garantita da tre microfoni con soppressione del rumore e gli altoparlanti frontali lavorano a 100 dBA, suoni udibili anche in ambienti rumorosi quindi. I due modelli FX sono dotati di connettività Wifi, Bluetooth, NFC, mentre il comparto fotocamere prevede un sensore frontale da 5 MP e quello posteriore da 8 MP. La memoria si può espandere tramite schedine microSD, quella integrata è di 16 Gbyte, una dotazione minimalista nella versione con Windows 10.

La Cpu è Qualcomm Snapdragon in versione Quad-Core. Per quanto riguarda l’autonomia il dato più importante è la possibilità di sostituire la batteria senza dovere spegnere il Toughpad e i dispositivi garantiscono fino a 8 ore di operatività continua, che diventano 16 ore con la batteria opzionale supplementare che ovviamente aumenta sensibilmente gli ingombri. I caricatori sono compatibili con quelli dei modelli annunciati a fine 2014 per i Panasonic Toughpad FZ-E1 e FZ-X1. Tra gli accessori immediatamente disponibili ci saranno per i modelli nuovi le rispettive dock per i veicoli.

Read also :