Il caso Huawei: Google sospende le attività con la società cinese, poi ritratta

MobilitySmartphone

Dopo il veto alla società cinese Huawei da parte del presidente americano Donald Trump, si è scatenata la valanga. Anche Google, inizialmente, si è ritratto, salvo poi emanare una nota ufficiale in cui “…Google Play e le protezioni di sicurezza di Google Play Protect continueranno a funzionare sui dispositivi Huawei esistenti”

Google ha sospeso le attività con Huawei? Uno schiaffo al colosso cinese dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha posto il veto, negli Usa, alla società cinese Huawei. Anche la società americana Google avrebbe voltato le spalle a Huawei con conseguenze che potrebbero rivelarsi disastrose anche per gli utenti possessori di smartphone Huawei, per esempio, dato che il colosso di Mountain View avrebbe chiuso le porte anche ad aggiornamenti del sistema operativo. Ma c’è un’ultima ora. Secondo quanto riporta oggi Il Sole 24 Ore Radiocor, sentendo un portavoce di Google, alla luce del fatto che la società americana aveva annunciato la sospensione di ogni attività portata avanti con il gruppo tecnologico cinese, le ultime dichiarazioni sono le seguenti: “Ci stiamo conformando all’ordine e stiamo valutando le ripercussioni. Per gli utenti dei nostri servizi, Google Play e le protezioni di sicurezza di Google Play Protect continueranno a funzionare sui dispositivi Huawei esistenti”.

La sede Google a Mountain View

Se fosse, la sospensione porterebbe ad un ostacolo del business degli smartphone della società cinese al di fuori della Cina, poiché il gigante della tecnologia perderebbe immediatamente l’accesso agli aggiornamenti del sistema operativo Android di Google.

Le versioni future degli smartphone della società cinese su Android non avrebbero più potuto accedere ai servizi più diffusi, tra cui Google Play Store e le app Gmail e YouTube. “Huawei sarà in grado di utilizzare la versione pubblica di Android e non potrà accedere a app e servizi proprietari di Google“, aveva affermato una fonte ripresa da Reuters. L’amministrazione Trump di giovedì ha aggiunto Huawei Technologies Co Ltd a una blacklist commerciale, mettendo immediatamente in atto restrizioni che renderanno estremamente difficile per la società fare affari con le controparti statunitensi. Venerdì il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti aveva dichiarato che stava prendendo in considerazione la possibilità di ridimensionare le restrizioni sulla società per “impedire l’interruzione delle operazioni e delle apparecchiature di rete esistenti”.

La misura in cui Huawei sarà danneggiata dalla lista nera del governo degli Stati Uniti non è ancora nota poiché la sua catena di approvvigionamento globale valuta l’impatto. Gli esperti di chip hanno messo in dubbio la capacità di Huawei di continuare a funzionare senza l’aiuto degli Stati Uniti. I dettagli dei servizi specifici interessati dalla sospensione erano ancora discussi internamente su Google, secondo la fonte. Gli avvocati del colosso cinese stanno anche studiando l’impatto della lista nera, ha detto un portavoce del colosso cinese, lo scorso venerdì. I produttori di chip tra cui Intel, Qualcomm, Xilinx e Broadcom hanno detto ai propri dipendenti che non forniranno software e componenti critici a Huawei fino a nuovo avviso.

Huawei

Dal canto suo, la società cinese ha diramanto il seguente comunicato ufficiale: “Huawei ha apportato un contributo sostanziale allo sviluppo e alla crescita di Android in tutto il mondo. Essendo uno dei principali partner a livello globale di Android, abbiamo lavorato assiduamente sulla loro piattaforma open source per sviluppare un ecosistema di cui hanno beneficiato sia gli utenti che l’intero settore. Huawei continuerà a fornire aggiornamenti di sicurezza e servizi post-vendita a tutti gli smartphone e tablet Huawei e Honor esistenti, ovvero quelli già venduti o ancora disponibili in tutto il mondo. Continueremo a costruire un ecosistema software sicuro e sostenibile, al fine di fornire la migliore esperienza d’uso a tutti gli utenti a livello globale”.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore