Samsung Galaxy Note 9, smartphone di riferimento per il business

MobilitySmartphone

A pochi giorni dal lancio Galaxy Note 9 ha ancora pochi segreti da svelare e potrebbe fare molto bene sul mercato sfruttando la potenza distributiva del vendor per esempio con la buona idea Samsung Smart Rent

Mancano pochissimi giorni al lancio di Samsung Galaxy Note 9 che sarà presentato, neanche a farlo apposta, proprio il 9 agosto a New York (luogo del lancio globale, con i relativi rollout locali), nel cuore dell’estate (i curiosi possono intercettare una serie ulteriore di video teaser qui)

Il video di “lancio del lancio” presenta semplicemente la S Pen, una colorazione giallo quasi ocra mai vista prima (e probabilmente con integrate nuove funzionalità), ma intanto si accavallano le indiscrezioni consuete nel caso di eventi come questo e c’è una data di commercializzazione chiara, fissata nel 24 agosto (ma è il 15 agosto per il mercato cinese), in modo da poter riprendere a lavorare con il nuovo gioiellino in mano e la data del preordine dal giorno successivo a quello della presentazione.

Samsung Galaxy Note 9

Galaxy Note 9 è tra gli smartphone ‘maggiorati’ più attesi dell’anno e per alcune caratteristiche rappresenta il flagship di casa Samsung più ancora di Galaxy S, almeno per alcune categorie di utenti.

Certo lo stilo è l’elemento differenziante più importante, insieme alla diagonale del display e rimarrà così anche per il nuovo modello che intanto, quasi per certo, vede riposizionato il lettore di impronte digitali sotto la fotocamera posteriore e non affianco.

Non ci dovrebbero invece essere sorprese per quanto riguarda il design. Secondo fonti autorevoli sul Web Galaxy Note 9 metterà a disposizione un display con diagonale da 6,3 pollici Super Amoled con risoluzione 2960×1440 in rapporto di forma 18,5:9, quindi con la classica forma ‘allungata’ che lo ha sempre distinto.

Niente cpu Qualcomm, con la proposta Exynos 9810, di sicuro per il mercato italiano. Comparto fotografico con fotocamera posteriore da 12 MP e frontale da 8 MP. Galaxy Note 9, anche in Italia, sarà invece dual Sim.

I dati di targa ufficiosi dicono che la configurazione base di Galaxy Note 9 vedrà la disponibilità di 128 Gbyte di memoria interna ma ben 6 Gbyte di Ram, con la possibilità di scegliere anche una versione con 512 Gbyte di memoria per app e Os e 8 Gbyte di Ram. Con i prezzi tra 850 e 1050 euro. Nei giorni scorsi – fonte WinFutre Roland Quandt – erano volate cifre ben più alte, tra i 900 e i 1200 dollari per la versione top.

Vedremo presto il listino di Samsung. Potrebbe prevalere la tentazione di smentire al volo la delusione degli analisti sulle performance della divisione mobile del gigante coreano, ma anche no.

Noi pensiamo che sarà molto più interessante vedere l’accoglienza sul mercato dell’ottima idea di Samsung Smart Rent e lavorare su quello per incrementare fatturati e diffusione, piuttosto che alzare il prezzo come da sempre ha scelto di fare Apple.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore