Ricerca Avanade: le tecnologie consumer fanno bene all’azienda

MobilityWorkspace

Le aziende sono attratte dalle tecnologie consumer ed elaborano nuovi processi di business

Con una ricerca Avanade riprende il tema della diffusione dell’utilizzo delle tecnologie consumer in ambito aziendale. Fino ad oggi, la scelta del tipo di tecnologia sul posto di lavoro ha sempre seguito le diverse esigenze di business: i dirigenti ne autorizzavano l’adozione basandosi sulle richieste e sui target dell’azienda. Queste dinamiche nell’ultimo periodo hanno cambiato prospettiva, con una spinta alla scleta che è appannaggio dei dipendenti, soprattutto nel settore del mobile e delle tecnologie consumer.

La ricerca di Avanade ha rilevato che le aziende anziché chiudere la porta alle tecnologie mobile e consumer, non solo le accettano, ma ne promuovono l’adozione. Le imprese più innovative, che hanno scelto di modificare il proprio modo di fare business, stanno avviando processi aziendali completamente nuovi, fondati su questi trend, al fine di raccoglierne i massimi benefici. Avanade ha denominato questo fenomeno “Work Redesigned”.
Secondo lo studio più di 7 aziende su 10 hanno trasformato almeno un processo di business – tra cui i processi di gestione IT, vendita e marketing, risorse umane e customer service – accettando i trend di lavoro emergenti . Il dato globale è in linea con quello rilevato a livello locale, che è del 76%. In particolare in Italia il 18% delle aziende ha cambiato quattro o più processi di business, così da massimizzare la crescente importanza della mobility e delle tecnologie consumer sul posto di lavoro. Oltre 6 imprese su 10 rivelano che la maggioranza dei propri dipendenti utilizza dispositivi personali sul luogo di lavoro. Il dato più vistoso è che il 47 % degli intervistati rivela che la maggior parte dei dipendenti usa i tablet per eseguire operazioni avanzate come il CRM, la gestione dei progetti, la creazione di contenuti e l’analisi dei dati .

La ricerca Avanade mostra anche il differente punto di vista dei dirigenti aziendali e dei manager IT in merito al ruolo delle tecnologie consumer e mobile in azienda. Il divario tra i dirigenti C-Level e il loro staff IT potrebbe essere il limite maggiore alla diffusione dei nuovi processi di business. La sicurezza rappresenta certamente una delle preoccupazioni principali che scoraggia l’adozione delle nuove tecnologie da parte delle aziende. I decision maker IT tendono a minimizzare i potenziali rischi derivanti dall’utilizzo di tecnologie personali in azienda. Il management invece è molto più concentrato sulla massimizzazione dei potenziali benefici (56%) che i personal device possono apportare all’azienda.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore