Pixel 3, monta l’attesa per il nuovo smartphone di Google

MobilitySmartphone

Tutto quello che sappiamo su Google Pixel 3, tra rumors, ipotesi (che Google non smentisce) e certezze. Data di lancio prevista per…

Abbiamo provato a mettere insieme rumors e “leaks” in rete per capire quanto ci sarà da aspettare e come sarà il prossimo Googlefonino. Prima di tutto non si parla di un solo smartphone: forse addirittura saranno lanciati tre modelli Google Pixel solo che molto probabilmente solo due modelli su tre saranno distribuiti nei mercati più maturi come il nostro.

Il nome in codice sarebbe crosshatch, albacore e blueline ma altre fonti invece ipotizzano la disponibilità non di tre ma di soli due modelli, e in questo caso quello “basic” non sarebbe venduto anche in Europa. L’esperienza dice che la declinazione potrebbe essere proprio quella di un Pixel 3 XL, un altro top solo diagonale minore, ed effettivamente un modello disponibile per i mercati emergenti, con specifiche profondamente diverse.

Google Pixel 2 XL – Per ottobre è atteso il suo successore, molto probabilmente Pixel 3 XL

Al momento non esistono moke-up attendibili in Rete di come potrebbe essere il nuovo Pixel 3. E’ però verosimile che a produrlo potrebbe essere ancora una volta HTC che seguirebbe anche parte della progettazione con Google, una voce questa alimentata anche dalla recente assunzione da parte di Google di ingegneri del vendor.

Lato software possiamo dare quasi per scontato il supporto per notch – già presente nell’aggiornamento Android P rilasciato agli sviluppatori. Non solo, gli ultimi leaks parlano addirittura di due notch per agevolare la possibilità di integrare il lettore di impronte digitali per il quale la posizione sotto il display continua a generare problemi.

Mentre sarà interessante vedere, per quanto riguarda l’hardware se effettivamente Pixel 3 si “accontenterà” di uscire sul mercato con Snapdragon 845 di Qualcomm che è comunque già in dotazione ora sui top di gamma. Diamo sicuramente per scontato invece la disponibilità di USB Type C come interfaccia, con Ram e Storage potenziati. Per quanto riguarda le procedure di autenticazione ci possiamo aspettare il supporto per la scansione dell’iride, ma è un vero azzardo.

Sarebbe davvero una sorpresa, e sappiamo che Google in passato ha scelto piuttosto tecnologie collaudate ad azzardi, tantopiù per un device di riferimento soprattutto per tester e sviluppatori.

Quello che si è letto finora è che potrebbe essere possibile una predisposizione interna per la funzionalità senza ancora l’effettiva implementazione, in modo poi da portare anche agli altri vendor la possibilità di sblocco con il proprio codice, anche per questo non sappiamo se effettivamente sarà disponibile lo sblocco con scansione dell’iride.

Non siamo in grado di dire nulla invece per quanto riguarda il comparto fotografico. Pixel 3 potrebbe seguire il mercato finalmente con l’aggiunta di una seconda fotocamera, eppure Pixel 2 XL ha dimostrato che non necessariamente 2 è meglio di 1.

L’appuntamento per il lancio è verosimile collocarlo per ottobre di quest’anno, con il lancio del modello “basic” – che comunque non svelerebbe nulla riguardo i top di gamma – magari anticipato in estate.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore