Più smartphone meno Pda

Mobility

Le vendite dei cellulari crescono al di là di ogni più rosea aspettativa,
ma le vere stelle del momento sono gli smartphone, una categoriadiprodotti che manifesta un andamento più positivo rispetto ai Pda.

Anche il mercato dei cellulari presenta qualche motivo di curiosità. Nokia Mobile Phones ha riportato risultati negativi nel primo trimestre. Con 44,7 milioni di pezzi venduti rimane saldamente in testa alle classifiche mondiali, ma segna un calo del 19% rispetto all’ultimo trimestre dell’anno scorso. Una flessione più forte, dunque, dell’atteso effetto della stagionalità, e dell’andamento del mercato. La crescita del 29% registrata dal mercato complessivo rispetto al primo trimestre dell’anno scorso fa sì che le quote di mercato della casa finlandese scendano intorno al 30% rispetto al 35% riconosciutogli da Gartner alla chiusura del 2003. Nokia mantiene comunque elevati margini operativi, il che gli permetterà di passare alla controffensiva. Per ora ha abbassato il prezzo dei modelli d’ingresso, e nel corso dell’anno conta di introdurre 40 nuovi prodotti.
Gli analisti concordano nel dire che la battuta d’arresto dipende da una carenza d’offerta nei telefonini di fascia media, e in particolare di modelli multimediali “a conchiglia”.
Un segmento dove hanno puntato significativamente i produttori coreani. A partire da Samsung, che nel primo trimestre ha registrato una crescita del 23% con oltre 20 milioni di cellulari venduti, per un valore di 4.850 miliardi di won, pari a circa 3,47 miliardi di euro.
Con questi numeri si assesta stabilmente al terzo posto del mercato mondiale, staccando decisamente Siemens che è a meno di 13 milioni di pezzi venduti e Sony Ericsson a meno di nove, e raggiunge il 13% di market share in un settore che assicura ottimi profitti.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore