App store, ogni azienda avrà il suo

EnterpriseFisco e FinanzaMobile AppsMobilitySoftware
app store

Lo dice Gartner, entro il 2017 il 25 percento delle aziende avrà messo in piedi un app store dedicato. Una valida soluzione per le problematiche legate al Byod e al Byoa (Bring Your Own Application)

Secondo Gartner da qui al 2017 il 25 percento delle aziende avrà un app store dedicato per la gestione delle app su pc e device mobile. L’azienda non risparmierà solo in sicurezza, e sui costi di gestione, ma guadagnerà anche un pieno controllo sull’utilizzo delle app stesse da parte degli impiegati, e un margine di contrattazione più elevato con i vendor in fase di licensing.

Il parere di Finley, VP Gartner, è abbastanza deciso: “Si va verso il cambiamento definitivo di un modello riguardo le strategie di sicurezza e procurement con le app”. Dopo il Byod si parla quindi di Byoa (Bring Your Own Application), che del Byod è semplicemente la naturale conseguenza e un sottoinsieme della problematica. Per questo i vantaggi di un app store aziendale saranno effettivi, se guidati comunque da un piano di gestione pensato con criterio, con la collaborazione di diverse figure (CSO e management).

Gartner individua tre fattori chiave e consiglia tre strategie di approccio:

1. Il numero crescente di device mobile e di un sistema di Mobile Device management (MDM) è fattore esso stesso abilitante una politica di gestione degli app store

Le risorse per scegliere le proprie app e installarle al momento sono tantissime. Affianco agli store di chi ha sviluppato gli Os, ci sono già quelli dei vendor dei vari device. E’ vero che un app store aziendale è facilmente individuabile come la soluzione più semplice, a patto però che esso fornisca anche i tool di update e upgrade della piattaforma e delle policy aziendali per ogni singolo device. Le app aziendali, devono infatti rimanere allineate anche con quelli che sono gli update di piattaforma. E’ da gestire insomma la possibilità di accedere agli update di piattaforma dallo store di Apple, Google, Microsoft e l’eventuale integrazione con il proprio app store aziendale.

Phillip Redman, RVP di Gartner, entra nello specifico: “Già ci sono aziende che richiedono ai vendor di soluzioni MDM questa possibilità. Fino ad oggi gli MDM si sono limitati a fornire semplici plugin in grado di integrare le app da vari store, il passaggio successivo è proprio quelli di integrare anche le possibilità di aggiornamento. Sarà un percorso di circa 12/18 mesi”.

App Store
Nel futuro delle aziende non ci sono solo le problematiche di Byod ma anche quelle legate alla gestione specifica delle applicazioni Byoa

2. Gli app store aziendali potranno supportare diversi processi software automatizzati per un intervento minimo da parte degli amministratori 

Se è possibile tramite opportuni agenti software autorizzare l’installazione di software da diversi app store, a patto che rientrino sotto il cappello dell’app store aziendale, può essere una soluzione anche quella di delegare agli utenti la possibilità di acquistare determinate app attraverso il proprio app store, attingendo comunque da app store esterni. Ma nello specifico questo fattore può abilitare un margine di contrattazione aziendale maggiore rispetto alla proposta dei vendor di app.

3. Si apre un mercato di supply management nel comparto software molto promettente

Sono pochissime al momento le aziende in grado di offrire soluzioni di controllo della catena di gestione software sul mobile di tipo end-to-end. Deve cambiare l’approccio: non esistono – su due binari paralleli – l’hardware da gestire e le app da autorizzare – quanto piuttosto un unico sistema di gestione e un sistema di gestione dinamico, in grado anche di aprirsi alle nuove pubblicazioni di app sugli appstore ufficiali, altrimenti l’app store enterprise perderà parte del proprio potenziale con un innalzamento dei costi per proporre applicazioni allineate alle nuove proposte. L’implementazione di un app store enterprise non può che essere componente della strategia applicativa di un’organizzazione, più che una strategia infrastrutturale. La capacità di ‘audience’ su quali sono le applicazioni funzionali al business per gli utenti sarà fattore critico.

Si parla di app, ma conosci bene i problemi legati al Byod e i tablet? Mettiti alla prova sui tablet, rispondi al nostro quiz

 

 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore