Huawei: una strategia di uscita dal mercato USA delle TLC

Mobility

Huawei getta la spugna e decide di non vendere più apparati di telecomunicazioni in USA

Dopo che per diversi anni è entrata nel mirino minuzioso dei legislatori e degli enti regolatori degli Stati Uniti che la ritengono strettamente collegata con il governo cinese e quindi rischiosa per la sicurezza nazionale, Huawei getta la spugna e decide ufficialmente di cercare condizioni più favorevoli sul mercato europeo , ma di non vendere più apparati di telecomunicazione in USA. Su questo mercato restano tuttavia le attività di vendita per gli altri prodotti del gigante cinese delle comunicazioni.

La dichiarazione di queste intenzioni è stata fatta dallo stesso fondatore e CEO di Huawei : nel corso di un incontro con i giornalisti francesi Ren Zhengfei ha detto che la sua società è stata messa in mezzo a una controversia politica tra Stati Unti e Cina e che se le attività di Huawei negli Usa causano problemi tra le due nazioni allora “ non ne vale la pena”. Secondo una trascrizione dell’intervista Ren ha definito Huawei “un’impresa privata” che “ non ha alcuna posizione politica di alto livello”. D’altra parte la società è divenuta parte di un tira e molla tra due nazioni , “così abbiamo deciso di uscire dal mercato USA e di non essere più messi in mezzo”. Tuttavia lo stop alle vendite di apparati di telecomunicazioni negli Stati Uniti non avrà un impatto apparente sugli sforzi per promuovere gli   altri prodotti di Huawei. Infatti nel medesimo incontro Ren ha dovuto rassicurare quanti sono precioocuapti della sicurezza e della privacy sui cellulari di Huawei, dato che “ il loro software è americano ,non nostro. Non abbiamo sistemi operativi”. In una dichiarazione a eWeek si precisa che la strategia di approccio al mercato Usa dell’area enterprise rimane invariata con pieno impegno verso clienti , partner e il canale. Gli osservatori di mercato fanno tuttavia notare che non è la prima volta quest’anno che massimi dirigenti di Hauwei parlano di uscire dal mercato USA. Nonostante le smentite di Huawei ( e dell’altra cinese ZTE) sono mesi che i legislatori americani esplicitano la loro preoccupazione sui legami con il governo cinese. Le preoccupazioni sono che gli apparati di rete come switch e router possano servire da punto di appoggio per il governo cinese per spiare governo ,aziende e persone degli Stati Uniti o per lanciare cyber attacchi.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore