Huawei Mate 20 Pro, cose mai viste

MobilitySmartphone

Huawei Mate 20 Pro riesce a sorprendere. Arriva con sensore di impronte digitali sul display, riconoscimento a infrarossi del volto, tripla fotocamera, e può ricaricare (senza fili) un altro smartphone

Alla presentazione di un nuovo smartphone sempre più spesso tocca rassegnarsi, rinunciare all’effetto wow! Non è questo il caso. Con Mate 20 Pro, presentato a Londra, Huawei ha messo in campo una serie di novità tecnologiche non di poco conto, da farle guadagnare una serie di punti tra i vendor che davvero quest’anno hanno presentato nuove idee.

Huawei Mate 20 Pro

Huawei Mate 20 Pro sembra infatti poter stupire: prima di tutto questo smartphone sarà in grado di ricaricare senza fili, a sua volta, altri smartphone che hanno “bisogno di aiuto” con un sistema che permette di invertire la ricarica verso un oggetto terzo e inoltre arriva il sensore di impronte digitali sullo schermo, oltre a una videocamera per il login del tutto simile al TrueDepth di Apple, con scansione 3D a punti di infrarosso.

Huawei Mate 20 Pro - Rapporto dimensioni e display in confronto con altri modelli
Huawei Mate 20 Pro – Rapporto dimensioni e display in confronto con altri modelli

La novità sta nel fatto che Huawei ha reso disponibili entrambe le caratteristiche su un unico smartphone. E non è poco. Il sistema di riconoscimento tramite impronta funziona permettendo di avvicinare il dito al display, riconoscere sul display una guida per il corretto posizionamento e vedere lo smartphone sbloccato. A seconda di come si è comodi si può utilizzare un metodo o un altro.

La terza novità, certo meno eclatante, riguarda la disponibilità di tre fotocamere posteriori collocate ai vertici di un ideale piccolo quadrato, al centro del dorso. La corsa al numero di fotocamere, onestamente, ci lascia abbastanza indifferenti nel valutare uno smartphone.

Mate 20 Pro - Dettaglio
Mate 20 Pro – Dettaglio

Noi pensiamo che comunque, quella di uno smartphone sia sempre e comunque una fotocamera di servizio, e il collo di bottiglia del livello qualitativo oramai sia da riconoscere nella dimensione del sensore e nell’ottica assolutamente sacrificata, ognuno poi scelga di scattare come preferisce, con le fotocamere disponibili oggi sugli smartphone già superiamo non di poco una bontà fotografica più che sufficiente per la tipologia d’uso successiva, destino attuale delle nostre foto.

Con Huawei Mate 20 Pro arriva anche il fratellino Mate 20

In ogni caso, le tre fotocamere di Huawei Mate 20 Pro sfruttano ottiche differenti: un supergrandangolare, un grandangolare e un tele. La tecnologia confermata è quella di Leica con i sensori oltre quello della fotocamera principale da 20 MP f2.8 e da 8 MP  f2.4

E’ un sistema diverso tra l’altro di quello che abbiamo visto su Huawei P20 Pro. Qui su Mate 20 Pro infatti il sensore monocromatico lascia spazio alla differente scelta di lenti. Stupisce invece il sensore principale da ben 40 MP con f1.8 della fotocamera posteriore più importante. La fotocamera frontale è anch’essa decisamente importante. Sfrutta un sensore da 24 MP f2.0.

Mate 20 Pro - Le tre fotocamere
Mate 20 Pro – Le tre fotocamere

Arriviamo così a quelle che in qualsiasi altro annuncio sarebbero state le notizie principali. Huawei Mate 20 Pro arriva sul mercato con un display da ben 6,39 pollici, con un ampio notch, sottilissimi i profili di metallo, con il device certificato IP68 che permetterà di scattare foto anche sott’acqua.

Si tratta di un pannello Super Amoled con risoluzione 3120×1440. Disponibile in diverse colorazioni tra cui verde smeraldo e blu notte, oltre al modello oro/rosa e al nero.

Sontuosa la batteria da 4200 mAh per alimentare il processore Kirin 980 (purtroppo niente Snadpragon), un octacore con due core Cortex A76 a 2,6 GHz altri due che lavorano a 1,92 GHz e 4 core Cortex A55 a 1,8 GHz.

Mate 20 Pro - Il sistema di diffusione audio
Mate 20 Pro – Il sistema di diffusione audio

Mate 20 Pro arriva con già a bordo Android Pie 9.0 e ovviamente l’interfaccia Emui 9.0. Il software può sfruttare 6 o 8 Gbyte di Ram a seconda delle versioni, e la memoria complessiva disponibile per OS, applicazioni e dati sarà di 128 o 256 Gbyte comunque ancora espandibili con nanoMemory Card. Lo smartphone permette l’utilizzo di una doppia nanoSIM.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore