Cisco porta l’ufficio a domicilio

Mobility

Esce Virtual Office, una soluzione che consente di interagire con persone e risorse aziendali da casa propria

Un nuovo passo avanti verso il telelavoro vero e proprio arriva da Cisco, che ha appena fatto uscire un pacchetto hardware e software, battezzato Cisco Virtual Office (Cvo), che ha l’obiettivo di riprodurre l’ufficio di un dipendente a casa sua, con visibilità totale sulle risorse aziendali disponibili sul posto di lavoro. In particolare, sarà possibile effettuare conferenze audio e video, ricevere chiamate simultaneamente in ufficio e a casa, così come consultare la rubrica degli indirizzi o l’agenda professionale.

Il package Cvo si installa in parte presso il dipendente e in parte in azienda. Dal lato utente troviamo un telefono Ip 7970G, un router della gamma 880 (che include un access point Wi-Fi e un hub Ethernet a quattro porte e che può gestire voce e dati) e una webcam Logitech. Una volta che il telelavoratore ha collegato il router al proprio accesso a Internet, così come telefono e pc al router, quest’ultimo si connette automaticamente alla rete aziendale via Internet, attraverso il protocollo Https. Quindi, esso recupera tutte le configurazioni (soprattutto sul fronte della sicurezza) necessarie al telefono e all’individuo per accedere alle applicazioni aziendali. In seguito, il router scaricherà automaticamente tutti gli aggiornamenti pertinenti a quella postazione di lavoro, esattamente come accade nei locali dell’azienda. Nessuno di questi passaggi richiede intervento umano, poiché tutto avviene attraverso la Vpn.

Per aiutare le imprese a definire i profili (sicurezza, applicativi) che i telelavoratori scaricheranno e implementeranno automaticamente, Cisco propone alcuni servizi associati. Dal lato dell’azienda, è sufficiente un router Cisco che assicura il traffico via Vpn e la gestione dei protocolli di sicurezza Ssl, L2Tp e IpSec, mentre Cisco Security Manager si occupa di gestire tutte le regole di sicurezza e Secure Access Control Server svolge il proprio compito di controller degli accessi. Qualora si possegga un router della gamma 7200, si potrà approfittare di Dynamic MultiPoint Vpn, feature che consente di creare una rete Vpn IpSec evolutiva.

La soluzione, che è stata testata da 12mila collaboratori di Cisco, costa 700 dollari, che corrispondono all’acquisto del router della gamma 880. La disponibilità in Europa è prevista per dicembre o gennaio.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore