Verizon è pronta con i test del 5G a 28 Ghz

LteMobility

Verizon chiede le autorizzazioni per due impianti di test negli USA: i carrier americani puntano decisamente sulla parte alta dello spettro radio

Verizon ha chiesto ufficialmente l’autorizzazione ad installare due impianti per il test delle comunicazioni mobili 5G nella banda dei 28 GHz. I test dureranno sei mesi a partire dal prossimo primo aprile e avranno luogo a Euless in Texas e a South Plainfield nel New Jersey. La documentazione tecnica presentata indica che per questi test saranno installati dispositivi sperimentali di Ericsson, Intel, Qualcomm e Samsung.

Verizon ha dichiarato che i test miglioreranno la comprensione delle caratteristiche dello spettro radio nella banda delle frequenze millimetriche e della banda disponibile in uplink e downlink per le applicazioni residenziali e commerciali. Le prove di trasmissione avranno luogo in un raggio di un chilometro intorno alle stazioni radiobase installate e Verizon si è impegnata a coordinare i test con il funzionamento di altri sistemi di trasmissione a microonde che operano nella medesima banda, eliminando immediatamente eventuali interferenze.

Il "calendario" di IMT-2020 secondo l'ITU
Il “calendario” di IMT-2020 secondo l’ITU

L’avvio dei test ad alta frequenza è un segno abbastanza evidente di quanto i carrier americani non abbiano nessuna intenzione di perdere il carro del 5G o di farlo rallentare per la prudenza degli enti normativi. Mentre in Europa si discute sulla liberalizzazione della parte “bassa” dello spettro – nella banda dei 700 MHz o inferiori – negli USA si punta ad ampliare l’occupazione nell’altra direzione e i 28 GHz sono giusto il primo passo verso bande di frequenza ancora più elevate.

Lo spazio ci sarebbe, dato che oltre la soglia dei 30 GHz ci sono poche applicazioni regolamentate negli Stati Uniti e le evoluzioni tecnologiche permetterebbero di gestire comunicazioni wireless 5G a queste frequenze. Il problema è quello delle interferenze, come lascia intendere anche la documentazione di Verizon. In quella banda ci sono già altri sistemi di trasmissione più o meno liberi e operano inoltre alcune forme di comunicazione via satellite. Verizon sembra, come altri operatori, puntare sul fatto che le celle trasmissive sono di piccole dimensioni e questo permette di tenere sotto controllo eventuali conflitti. Almeno in queste fasi di test.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore