Iliad: c’è l’accordo per entrare sul mercato italiano

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Iliad firma un accordo per acquisire parte delle frequenze e della rete di 3 Italia e Wind, il che le consente di entrare subito sul mercato italiano

Iliad ha firmato con Hutchison e Vimpelcom, le aziende che controllano 3 Italia e Wind, un accordo attraverso cui si impegna ad acquisire il cosiddetto “remedy package” che le due aziende hanno proposto alla Commissione Europea per avere il via libera alla fusione dei due operatori italiani. L’accordo permette quindi all’azienda francese di entrare sul nostro mercato come futuro quarto operatore mobile.

L’unica condizione a cui è ancora subordinato l’accordo è l’approvazione da parte dell’Antitrust europea, che il prossimo 8 settembre dovrebbe pronunciarsi sulla fusione Wind-3 e quindi anche sul ruolo di Iliad. Sino alla firma dell’accordo si pensava che l’azienda francese avrebbe subìto la concorrenza di Fastweb.

Il mercato italiano del mobile a fine 2015 (fonte Bloomberg/Agcom)
Il mercato italiano del mobile a fine 2015 (fonte Bloomberg/Agcom)

L’accordo firmato da Iliad prevede varie parti, in primis l’acquisizione di varie frequenze 3G e 4G per complessivi 450 milioni di euro. C’è poi un impegno ad acquisire diverse migliaia di siti con stazioni radiobase nelle città e un secondo impegno a condividere la rete di accesso di Wind e 3 Italia nelle zone rurali, oppure in subordine ad acquisire altre migliaia di stazioni radiobase dei due operatori nelle stesse zone.

Inoltre Iliad potrà godere di un accordo di roaming 2G, 3G e 4G sulla rete congiunta di 3 Italia e Wind. L’accordo ha una durata di cinque anni estendibili a dieci se Iliad lo riterrà necessario.

Iliad ha sottolineato che intende replicare in Italia il processo di creazione di un operatore alternativo che ha già avuto successo in Francia con Free Mobile. Questo processo dovrebbe vedere la pianificazione di investimenti a 5-7 anni grazie a fondi tutti “interni” provenienti dalla liquidità propria.

Read also :