Symantec alla prova con la nuova piattaforma per il back up in cloud

EnterpriseStart up
Massimiliano Bossi

Il nuovo anno fiscale, iniziato il primo aprile, porterà una nuova piattaforma di back up targata Symantec

Piani di investimento, anche da parte delle Pmi, per l’acquisto di device mobili aziendali da fornire ai dipendenti. Questo comportamento è ritenuto più sicuro, ai fini delle minacce e della diffusione dei dati, dalle imprese stesse. Questo è uno degli aspetti rilevati da Massimiliano Bossi, Smb sales manager Italy di Symantec.In Italia siamo ancora un po’ indietro, ma si sta sviluppando e sta prendendo piede anche nelle Pmi l’idea di investire sui device mobili al fine di aumentare la produttività”, spiega.

Secondo il Data Breach Study di Ponemon la violazione dei dati è costata alle aziende italiane fino  a un massimo di 2.570,622 euro nello scorso anno. L’indagine è condotta da Ponemon per conto di Symantec e riguarda i costi derivanti dalle violazioni dei dati subiti dalle aziende.

Lo studio, iniziato a gennaio 2011 e concluso nel dicembre dello stesso anno, ha visto il coinvolgimento di professionisti It ed esperti di sicurezza e compliance.
Alla luce di questi dati, Symantec raccomanda di seguire precise best practice che prevedano l’utilizzo di tecnologie per la prevenzione della perdita delle informazioni e che consentano la conformità alle policy di sicurezza, valutare i rischi attraverso l’individuazione e classificazione delle informazioni riservate ed educare i dipendenti in materia di protezione informatica.

Symantec ha ricordato tutti i passi avanti dall’acquisizione di Altiris e le soluzioni per il mobile management, parlando anche di crittografia del dato. Bossi anticipa una novità in arrivo con il nuovo anno fiscale, il primo aprile. “Con il nuovo anno fiscale – spiega Bossi – lanceremo una nuova piattaforma per il back up attraverso il cloud. Si tratta di una piattaforma modulare che forniremo ai partner di servizi in cloud e avrà un’interfaccia che aiuterà a gestire i clienti finali. Si tratta di una piattaforma customizzata dalla quale comparirà solo il logo del partner e i propri servizi offerti ai clienti. Il partner potrà modulare la piattaforma a seconda delle esigenze del cliente”, conclude Bossi.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore