Proroga per i rimborsi Iva europei del 2009

EnterpriseFisco e FinanzaProgettiPubblica AmministrazioneStart up

Gli operatori economici che devono richiedere il rimborso dell’Iva assolta nel 2009 per l’acquisto di bene o servizi in altri Stati Ue, hanno tempo fino al 31 marzo 2011

Ancora proroghe in attesa delle nuove regolamentazioni: secondo la Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008, recepita con Dlg n. 18/2010, dal 1° gennaio 2010 è in vigore una nuova disciplina per il rimborso dell’Iva ai contribuenti stabiliti in uno Stato membro diverso da quello che effettua il rimborso.

Per richiedere il rimborso dell’Iva allo Stato comunitario in cui è stata versata, bisogna presentare domanda di rimborso all’Agenzia delle Entrate.

Slitta dunque la prevista scadenza del 30 settembre, e viene prorogata al 30 marzo 2010 in seguito alle modifiche introdotte a livello comunitario con una Direttiva che ha stabilito nuove norme in materia di rimborso dell’imposta sul valore aggiunto.

L’Agenzia delle Entrate ricorda che “le richieste devono essere inviate esclusivamente in via telematica all’Agenzia delle Entrate che effettuato un controllo preventivo di legittimità della stessa, provvede entro 15 giorni a trasmetterla allo Stato europeo competente. Le pratiche devono essere lavorate in 4 mesi e la restituzione dell’imposta avviene entro 10 giorni dalla comunicazione della decisione di accoglimento del rimborso da parte dell’amministrazione estera“.

Read also :
  • iva
  • News
  • ue
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore