L’impresa emiliana continua a investire in Ict e innovzione

EnterpriseStart up

Lo afferma l’indagine annuale sugli investimenti realizzata da Confindustria Emilia-Romagna, in collaborazione con Carisbo. Il 90% delle aziende prevede di investire in tutte le aree aziendali

Anche per il 2008, l’indagine annuale sugli investimenti delleimprese industriali dell’Emilia-Romagna, realizzata da Confindustria Emilia-Romagna con la collaborazione di Carisbo e di tutte le Associazioni e Unioni industriali, ha fatto il punto sull’andamento delle scelte di investimento delle imprese nel corso del 2007, sulle previsioni per l’anno in corso e sui principali fattori che ne potrebbero ostacolare la realizzazione.

L’indagine ha evidenziato che l’89,6% delle aziende intervistate (635 imprese appartenenti al settore manifatturiero, per un totale di circa 67.000 addetti e un fatturato complessivo pari a 19,5 miliardi di euro) nel 2007 ha effettuato investimenti crescenti investimenti in tutte le principali aree aziendali: linee di produzione (47,1%), Ict (46,0%), ricerca e sviluppo (43,5%) e formazione (36,9%).

Per quanto riguarda l’apertura verso l’estero, si registrano in crescita rispetto all’anno precedente gli investimenti commerciali oltreconfine (14,6% nel 2007 confronto all’11% registrato nel 2006), mentre gli investimenti produttivi sono in linea con quanto registrato l’anno precedente.

Circa le previsioni per il 2008, il 91,7% delle imprese intervistate ha dichiarato che effettuerà investimenti nel corso dell’anno. Malgrado le criticità di contesto, le imprese confermano quindi il proprio impegno sul versante degli investimenti più direttamente connessi alla competitività, specie su fattori determinanti per il successo sui mercati internazionali, come ricerca e innovazione, investimenti produttivi e commerciali, linee di produzione.

Le imprese intervistate prevedono di realizzare investimenti maggiori rispetto al 2007 in tutti i settori. In particolare, anche per il 2008 l’area su cui concentreranno maggiormente gli sforzi sarà quella delle linee di produzione (53,4%), seguita dalla ricerca e sviluppo (51,7% previsto rispetto al 43,5% realizzato nel 2007) e dalla formazione, attesa in forte crescita (prevista al 51,7% per il 2008, rispetto al 36,9% realizzato nel 2007). In aumento anche le previsioni di investimento in tutela ambientale (35,6% atteso per il 2008 rispetto al 25,4% realizzato nel 2007).
Sono previste buone performance delle degli investimenti in internazionalizzazione: gli investimenti produttivi all’estero dovrebbero ammontare al 16,1% del globale e quelli commerciali del 24,3%.

Anche quest’anno, la propensione a investire si conferma crescere con l’aumentare della dimensione aziendale: se il 98,5% delle grandi imprese ha dichiarato di aver effettuato investimenti nel corso del 2007, per le medie imprese la percentuale è del 95,9% e per le piccole dell’84,6%. Le tipologie di investimento non si differenziano in maniera sostanziale fra le aziende di diverse dimensioni, ma l’intensità aumenta con il crescere del numero di dipendenti.

Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore