Lavoro notturno, imposte da rimborsare

EnterpriseProgettiPubblica AmministrazioneStart up

Una risoluzione dell’Agenzia delle entrate spiega la possibilità di recuperare le imposte versate per il lavoro notturno nel 2008 e nel 2009 a patto che i lavoratori dipendenti non avessero già beneficiato dell’imposta sostitutiva al 10%

I lavoratori dipendenti che negli anni 2008 e/o 2009 hanno percepito compensi per lavoro notturno o per prestazioni di lavoro straordinario riconducibili a incrementi di produttività, possono richiedere il rimborso delle maggiori imposte pagate se non hanno già beneficiato dell’imposta sostitutiva del 10%.

Con la risoluzione n. 85/E, l’Agenzia delle entrate fornisce ai contribuenti che hanno già richiesto questo particolare rimborso tramite il 730/2011, le indicazioni operative per presentare il modello Unico correttivo o integrativo o per modificare la richiesta di rimborso.

Il contribuente che deve rettificare alcuni dati contenuti nel modello 730/2011 (spese mediche, 36 o 55 per cento, ecc.), diversi dal rimborso per la detassazione del lavoro notturno 2008/2009, può utilizzare il modello Unico 2011 Persone Fisiche correttivo nei termini o integrativo.

In questo caso, il modello deve essere compilato in tutte le sue parti, ad eccezione del quadro QR, riportando le somme rimborsate dal sostituto d’imposta al netto della parte relativa alla detassazione 2008/2009. Se il contribuente deve rettificare i dati del rimborso per la detassazione del lavoro notturno 2008/2009 , perché ha ricevuto un rimborso non dovuto, è tenuto a restituirlo mediante un versamento con il modello F24. Se invece, ha diritto a più di quanto ha già avuto a rimborso tramite il modello 730, può presentare una richiesta agli uffici dell’Agenzia.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore