Fisco: Non aprite quella email

EnterpriseProgettiPubblica AmministrazioneStart up

L’Agenzia delle entrate torna sullo spinoso tema delle mail truffa volte a reperire i dati personali dei contribuenti. Una nota spiega che queste mail sono un tentativo di phishing

Ritornano le finte segnalazioni via email di notifica di rimborsi fiscali.

L’Agenzia delle entrate torna in scena e avverte chiunque dovesse ricevere questo tipo di mail a considerarla truffa e accertarsi con chi di dovere. Secondo una nota dell’Agenzia, queste mail non sono altro che il tentativo di phishing per rubare dati personali. Le mail sono delle false comunicazioni che riportano il logo dell’Agenzia delle Entrate.

Si tratta di email con oggetto “Notifica di rimborsi fiscali”, apparentemente provenienti dall’indirizzo “Agenzia delle Entrate”, che invitano il destinatario a scaricare e compilare un modulo per ottenere un presunto rimborso, richiedendo, tra le altre informazioni, anche tutti i dati della carta di credito.

L’Agenzia invita chiunque dovesse ricevere questo messaggio di posta elettronica a eliminarlo e a non aprire il suo allegato, in quanto potenzialmente pericoloso. L’Agenzia delle Entrate afferma la totale estraneità al fatto e ricorda ai contribuenti che sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it, nella sezione “Home – Cosa devi fare – Richiedere – Rimborsi”, possono consultare le corrette modalità per
ricevere un rimborso fiscale con l’accredito su conto corrente.

E, per finire, l’Agenzia non richiede informazioni sulle carte di credito.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore