Chiusura lampo per le partite Iva inutilizzate

EnterpriseFisco e FinanzaProgettiPubblica AmministrazioneStart up

Per chiudere una partita Iva non più utilizzata basta versare entro il 4 ottobre 2011 la sanzione minima di 129 euro con l’apposito modello “F24 Elementi identificativi”

Per chiudere una partita Iva non più utilizzata basta versare entro il 4 ottobre 2011 la sanzione minima di 129 euro con l’apposito modello “F24 Elementi identificativi”, compilato in ogni sua parte, senza dover poi presentare alle Entrate la copia del pagamento.

I dati dei versamenti effettuati con l’F24 dedicato, infatti, “entrano” direttamente nel sistema informativo dell’Anagrafe tributaria. Lo chiarisce l’Agenzia delle entrate con la risoluzione 93/E, che riduce all’osso gli adempimenti dei titolari di una partita Iva inattiva, evitando loro di presentare ulteriore documentazione agli Uffici.

Sempre in un’ottica di semplificazione, non è necessario presentare la dichiarazione di cessazione attività, con il mod. AA7 (previsto per i soggetti diversi dalle persone fisiche) o il mod. AA9 (previsto per le imprese individuali e lavoratori autonomi), perché il versamento effettuato correttamente sostituisce la presentazione della dichiarazione. Sono agevolati dalla misura introdotta dal 98/2011 i contribuenti che, pur avendo cessato l’attività, non hanno adempiuto all’obbligo di comunicarlo all’Agenzia nel termine dei 30 giorni.

Questi contribuenti possono sanare la violazione versando spontaneamente, entro novanta giorni calcolati a partire dal 6 luglio, cioè entro il 4 ottobre 2011 un importo pari a 129 euro usando il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”. Ecco in dettaglio, le indicazioni per la compilazione del modello: nella sezione “CONTRIBUENTE” vanno indicati i dati anagrafici e il codice fiscale del soggetto che effettua il versamento; nella sezione “ERARIO ED ALTRO”:
– nel campo “tipo” indicare la lettera “R”;
– nel campo “elementi identificativi” indicare con la partita Iva da cessare;
– nel campo “codice” indicare il codice tributo 8110;
– nel campo “anno di riferimento” indicare l’anno di cessazione dell’attività.

Per i contribuenti che, benché obbligati, hanno omesso di presentare a suo tempo la dichiarazione di cessazione attività e non colgono l’opportunità che il decreto legge 98/2011 ora concede, l’Agenzia può procedere alla chiusura d’ufficio della partita Iva, irrogando nel contempo una sanzione fino al massimo di 2.065 euro.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore