Scossa al mercato BI: Tibco acquisisce Jaspersoft

Enterprise

Tibco aggiunge a Spotfire Jaspersoft e spariglia il mercato della business intelligence

Tibco si rafforza nel settore Business Intelligence e mette le mani su Jaspersoft per 185 milioni di dollari. La mossa si accompagna a quella precedente dell’acquisizione di Spotfire . A partire dalla sua specializzazione nel settore del middleware Tibco si avvicina anche alle soluzioni di aiuto alle decisioni attraverso l’acquisizione di Jaspersoft che è specializzata nelle funzionalità di reporting e di BI open source ( la comunità aggregata attorno a Jaspersoft comprende oltre 400 mila utenti registrati).

Il business model di Jaspersoft prevede una distribuzione comunitaria gratuita del software attorno alla quale costruire una serie di funzioni e a servizi aggiuntivi a pagamento. Gli strumenti di Jaspersoft sono embedded in 140 mila applicazioni in produzione e sono stati scaricati 16 milioni di volte. La società rivendica duemila clienti nel mondo.

tibcospotfire

In una nota Tibco ha comunicato di voler conservare il modello open source dell’acquisita e di far rientrare l’acquisirne nel suo modello di espansione verso la BI in mobilità e le mappe. Ma il prodotto di punta resta al momento Spotfire , dunque visualizzazione e analisi dei dati. L’offerta Spotfire si confronta con quella di Tableau e Qlik. Per gli sviluppi nelle grandi organizzazioni Tibco si confronta con i grandi della BI, come SAP, Ibm oppure Oracle. D’altra parte il business model di Tibco è quasi agli antipodi di quello open di Jaspersoft.

Giunge a proposito un’analisi di Gartner sul mercato della BI in cui le promesse dei big data non sembrano mantenere un ampio ritmo di crescita. D’altra parte il mercato della BI e relativa analisi è cresciuto nel 2013 dell’8 per cento a 14,4 miliardi di dollari. Tuttavia la parte dei big data si riferisce generalmente all’ analisi di grandi insiemi di dati non strutturati ottenuti da sensori , social media e altre fonti, mentre la BI classica si occupa di dati struttati. Questo dualismo che ha penalizzato secondo Gartner i Big Data e i grandi progetti si riflette anche nell’analisi dei protagonisti del mercato. Le prime quattro grandi aziende – SAP, Oracle, IBM e SAS – sono cresciute meno del mercato.

Secondo alcuni esperti sono penalizzate dal loro legame con la BI tradizionale. Invece aziende come Jaspersoft e Pentaho , che forniscono alternative a basso costo sono cresciute più velocemente del mercato. In più gli strumenti data discovery come Tibco Spotfire e Tableau sono strumenti di rappresentazione visiva che sono diventati i nuovi standard per la moderna BI.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore