Microsoft-Oracle: la partnership si allarga

EnterpriseProgettiSoftware vendor

Oracle OpenWorld 2013 – I clienti Microsoft potranno fare girare il software Oracle sul loro cloud Azure. I clienti Azure a loro volta potranno fare girare Oracle Linux . Agli sviluppatori Java la garanzia del supporto nello sviluppo di software Oracle da parte di Microsoft per il cloud

L’accordo tra Microsoft e Oracle, annunciato a San Francisco nel corso di Oracle Openworld in un keynote congiunto, ha ribadito l’importanza  della partnership stretta tra le due aziende lo scorso giugno  per collaborare in ambito cloud  e offrire ai rispettivi clienti maggiori opportunità e flessibilità.

Oracle OpenWorldDalle  parole di  Brice Anderson, vice president Cloud & Enterprise di Microsoft, l’accordo  permettere agli utenti  di fare girare software  Oracle su Windows Server Hyper-V e  Windows Azure, con il supporto di Oracle stessa:  Microsoft offrirà infatti Java, Oracle Database e Oracle WebLogic Server ai clienti che adottano Azure, mentre Oracle renderà disponibile Oracle Linux  a chi adotta Azure.

Da una parte l’azienda di Steve Ballmer ha la possibilità di abilitare i propri clienti a fare girare workload di tipo enterprise nei propri cloud, sia privati che pubblici. Una flessibilità che permetterà ai clienti di Microsoft di ospitare applicazioni, il middleware e il database di casa Oracle.

Dall’altra i clienti di Mark Hurd avranno la possibilità di avere diverse opzioni di deployment, dalla proposizione on-premise fino al cloud (pubblico, privato o ibrido).

Fa bene a Oracle allearsi con chi ha già iniziato a raccoglie i propri risultati sul mondo Azure, fa bene a Microsoft offrire ai propri clienti la possibilità di fare girare software enterprise, dal database, al middleware a Java. Entrambe, Oracle e Microsoft,  vorranno trarre da questa flessibilità maggiori business. Larry Ellison, già a giugno aveva ribadito l’importanza di stringere accordi  “con le aziende più grandi in area SaaS e nell’infrastttura IT” che si affideranno alla tecnologia Oracle negli anni a venire. Così è stato per Microsoft, ma anche per  Salesforce.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore