Network Contacts acquisisce Chorally per le soluzioni di customer engagement

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

L’acquisizione di Chorally da parte di Network Contacts, sulla base della piattaforma di club deal di Epic SIM, consentirà alla prima di crescere sui grandi clienti e a Network Contacts di sviluppare importanti sinergie con le società del gruppo Activa. grazie alle nuove competenze tecnologiche innestate

Network Contacts è attiva dal 2001 nel settore dei servizi di Business Process Outsourcing (BPO) con un portafoglio clienti variegato nell’ambito del mercato delle telecomunicazioni, dell’energia, delle utilities in genere, ma anche in ambito finanziario (banche e assicurazioni. Nel tempo è cresciuta e oggi ha sedi a Molfetta in provincia di Bari, a Roma – per le attività di ricerca e sviluppo, e a Concorezzo (Monza Brianza) per le attività bancarie e assicurative.
Una sede all’estero è in Romania, per il mercato locale.

Il 18 maggio scorso Network Contacts è entrata a far parte del percorso Elite di Borsa Italiana ed è già parte del Gruppo Active, che opera nell’ambito CRM e dei servizi ICT e di digital signage. Network Contacts ha di recente annunciato l’acquisizione della maggioranza di Chorally, per crescere nelle soluzioni di Data-Driven Customer Engagement.

L’acquisita è una realtà decisamente più giovane. Chorally, attiva dal 2014 con le sedi di Firenze e Milano, è una software company che ha realizzato una piattaforma multicanale proprietaria di customer engagement. La sua rilevanza è data dal fatto che la piattaforma si basa su algoritmi di machine learning e vanta funzionalità integrate di social CRM con analisi dei dati, strumenti di monitoraggio, rappresentazione dei dati, BOT e crowdsourcing.

Il portafoglio clienti di Chorally è variegato e in parte del tutto non sovrapponibile con quello di Network Contacts, perché vi fanno parte aziende anche enterprise sì nell’ambito TLC e High-Tech, ma anche nell’automotive, nel mercato travel, della moda e del lusso, così come dei prodotti retail.

Da qui le possibilità di crescita per entrambe le realtà. Chorally, innesta le proprie competenze nell’ambito data-driven e continuerà ad operare sul mercato con il proprio marchio, con obiettivi di crescita su grandi clienti, di estensione a medie imprese e di espansione in Europa.  Network Contacts potrà sviluppare importanti sinergie anche tecnologiche tra Chorally e le società del gruppo Activa.

Marco Borghese, VP di Network Contacts

L’incontro è avvenuto sull’innovativa piattaforma di club deal di Epic SIM. Commenta Marco Borgherese, Vice Presidente di Network Contacts: “La nostra missione è offrire alle aziende clienti le migliori e più avanzate soluzioni di Customer Management, perché queste rappresentano anche per loro il motore della crescita e la fonte di creazione di valore. Per questo abbiamo investito in Chorally in un’ottica di Open Innovation, di sviluppo del nostro portafoglio di offerta e di rafforzamento del nostro vantaggio competitivo”. 

La piattaforma di Epic conferma la sua efficacia nel supporto all’economia reale, favorendo l’incontro diretto tra i progetti di crescita delle PMI e gli investitori qualificati, in questo caso rappresentati da un’azienda come Network Contacts che modernamente ha deciso di crescere puntando sulle idee, sulle risorse e sulle competenze tecnologiche innovative di Chorally.

Fabio Castronuovo, founder di Chorally insiste sul tema: “La nostra piattaforma è nata proprio mettendo al centro la relazione e l’esperienza del cliente, usando sistemi di Intelligenza Artificiale con un approccio data-driven e omnicanale, ora arriva la soddisfazione proprio per il riconoscimento del lavoro fin qui svolto dal team di Chorally e per le possibilità di accelerazione che si aprono in questa fase di trasformazione digitale delle aziende basata sulla Customer Centricity”.