Le soluzioni Ibs aiutano a minimizzare l’impatto ambientale

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Ibs propone applicativi e programmi a supporto dell’ecocompatibilità operativa e industriale

Il rispetto per l’ambiente finalmente è qualcosa di più che una vaga filosofia di vita in quanto la consapevolezza del proprio ruolo nell’equilibrio ambientale sta diventando sempre più una prassi operativa a livello di pubblico e di privato. Il settore delle apparecchiature e dei componenti elettrici ed elettronici è tra i più avanti nella corsa a essere sempre più “verdi”.

Tra le numerose iniziative adottate, sono state create eco-tasse specifiche per fare in modo che le aziende gestiscano l’eliminazione dei rifiuti elettronici in maniera sicura e rispettosa dell’ambiente, come disposto dalla normativa Weee (Waste Electrical and Electronic Equipment), che riguarda le apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso. I distributori devono collaborare strettamente con le loro associazioni di categoria per comprendere a fondo le procedure previste per l’eco-tassa e la gestione dei principali componenti inquinanti.

Grazie all’utilizzo delle soluzioni software proposte da Ibs è possibile tracciare i prodotti verso e dal cliente, avvalendosi anche di dati e statistiche che consentono un reporting accurato, che aiuta i distributori a gestire e commercializzare i prodotti in maniera appropriata, stabilendo come, quando e dove i clienti dovranno rimandare indietro i prodotti fuori uso, utilizzando il metodo più efficiente possibile. Ibs supporta anche altri settori, tra i quali quello chimico. Le aziende dell’Unione Europea che producono oppure importano più di una tonnellata all’anno di sostanze chimiche classificate come potenzialmente dannose per l’ambiente, devono sottostare al regolamento denominato Reach (Registration, Evaluation, and Authorization of Chemicals, cioè registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche). L’Unione Europea adotterà i requisiti globali previsti dall’Onu nell’ambito Ghs (Globally Harmonized System of Classification and Labeling of Chemicals), Sistema Globale Armonizzato per la classificazione e l’etichettatura dei prodotti chimici.

Read also :