Con il logo “Powered by Intel Cloud Technology” i servizi cloud sono meno anonimi

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Una campagna sullo stile “Intel Inside” per i provider di servizi cloud

Intel ha annunciato un logo “Powered by Intel Cloud Technology” che potrà essere utilizzato dai service provider per identificare la tecnologia che sta alla base dei servizi da loro offerti nel cloud. Quindi quando un’azienda avvicinerà un provider ( sono già 16 quelli che hanno aderito ) sarà in grado di avere accesso dettagliato ad informazioni di ogni tipo rigiurando al servizio cloud, comprese quelle sui processori per server che sono in uso presso la server farm del provider. Questo a sua volta sarà in grado di comunicare con più chiarezza quanto differenzia la sua offerta di servizi da quelli della concorrenza. A loro volta i clienti potranno dotarsi di un servizio IaaS di cloud computing in maniera più informata; quasi come conoscere il tipo di motore che fa andare un’auto.

intel-cloud

Come parte del programma Intel ha lanciato il motore di ricerca online Cloud Finder . I provider hanno risposto a un questionario di 80 domande su quanto offrono alla clientela. Nel passato Intel ha goduto di una penetrazione del 95 per cento tra i processori per server ( un nome fra tutti Xeon) , ma qualcosa sta cambiando per la concorrenza fatta da AMD, Broadcom e Arm. Il fatturato dei servizi di tipo Infrastructure-as-a-service viene stimato in crescita del 41 per cento anno su anno da qui al 2016 da parte di Idc.

Nel settembre scorso Intel aveva annunciato una collaborazione con Amazon Web Services per comunicare ai clienti, specifiche, prestazioni , qualità e sicurezza , benefici ottenibili dalla tecnologia Intel utilizzata dalle istanze AWS. In realtà ambienti eterogenei di infrastruttura cloud – con insiemi diversi di server di fornitori differenti- producono anche differenze tra il 40 e il 60 per cento nelle prestazioni.

Le prime 16 aziende che hanno aderito al programma ( al momento nessuna italiana nell’elenco ) sono responsabili di un fatturato di 3 miliardi di dollari in servizi cloud.

Read also :