Il futuro della governance guarda al data management

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Secondo l’Ibm Council, i dati diventeranno in breve tempo parte integrante e attiva del bilancio di un’azienda

Nei prossimi quattro anni il comportamento aziendale e la capacità del mercato di fare affidamento sulle informazioni daranno vita a nuovi modelli di cui già da oggi gli analisti illustrano le linee guida. L’Ibm Data Governance Council, un gruppo di 50 società di caratura mondiale pioniere alle best practice in materia di valutazione dei rischi e governance dei dati, ha tracciato cinque aree chiave su cui si concentreranno strategie e modalità di gestione su scala globale.

– La governance dei dati diventerà un requisito obbligatorio in un numero crescente di Paesi e organizzazioni, sempre più assoggettati salle autorità di regolamentazione nell’ambito di audit regolari, e questo a partire dai servizi bancari e finanziari.

– Il valore dei dati sarà considerato come un asset nel bilancio d’esercizio. La qualità dei dati diventerà una metrica di reporting tecnica nonché un indicatore chiave della prestazione It.

– Il calcolo del rischio sarà utilizzato in modo sempre più massiccio nelle imprese a supporto di decisioni di piccola e grande portata, e sarà sempre più automatizzato, a garanzia di una maggiore trasparenza sia nell’analisi del rpegresso che nel provisioning del rischio diretto e indiretto.

– Il ruolo del Chief Information Officer (Cio) cambierà, rendendo questo funzionario aziendale responsabile del reporting su qualità e rischio dei dati nei confronti del Consiglio di Amministrazione. Il Cio avrà l’incarico di governare l’uso delle informazioni e riferire circa la qualità delle informazioni fornite agli azionisti.

– Ai singoli dipendenti, assistiti da nuove categorie di software operativo, sarà richiesto di assumere maggiore responsabilità nel riconoscimento dei problemi e nel partecipare al processo di governance, nell’intento di facilitare una maggior trasparenza operativa e l’identificazione del rischio, il che favorirà una data governance dinamica.

Per soddisfare le crescenti esigenze del mercato, il Council ha in programma di realizzare un Information Governance Framework basato sul suo Data Governance Maturity Model esistente, che definirà standard e best practice. Questo nuovo framework fornirà alle organizzazioni una guida per implementare la governance dei dati a un livello granulare con ruoli, compiti, attività e un’ampia serie di procedure ben definite, per rendere la governance dei dati parte delle operazioni aziendali.

Read also :