Il digital divide non è solo una questione di prezzo

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Secondo Gartner ci vorrà ancora tempo prima di vedere affermati i notebook da 100 dollari

Il progetto di offrie pc a meno di 100 dollari a tutti i bambini delle scuole che si trovano nei Paesi in via di sviluppo non sarà una realtà almeno non prima dei prossimi due o tre anni. L’affermazione è di Gartner che avverte come pur rimanendo un obiettivo di valore quello di non superare la barriera dei 100 dollari per quelli che dovranno essere dei mini notebook, rimangono alcune questioni irrisolte che includono la disponibilità di energia necessaria ad alimentare i dispositivi, nonché il costo e la disponibilità della connessione a Internet.

Inoltre sarebbe necessario considerare delle formule di finanziamento e di pagamento per quei mercati caratterizzati da una popolazione il cui livello economico rasenta la povertà. Dunque se è vero che la diminuzione dei prezzi per i componenti e la domanda crescente porteranno a un ulteriore calo dei prezzi dei mini notebook nell’ordine del 10-15% i costi del packaging, dell’assemblaggio e del software, al contrario, non sembrano diminuire.

In ogni caso, i progetti pilota dei notebook da 100 dollari fatti in Africa, Sud America, India subcontinentale e Paesi dell’Europa dell’Est hanno evidenziato alcuni ostacoli che vanno al di là della questione prezzo. Gartner fa un elenco che comprende la pianificazione dell’attività di formazione necessaria a insegnanti e studenti, lo sviluppo dei contenuti in linea con i programmi scolastici locali, lo sviluppo dell’interfaccia più adatta al pubblico di studenti e la disponibilità di un supporto tecnico permanente.

Read also :