Il CEO di Polycom si dimette dopo irregolarità amministrative

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Andrew Miller guidava il numero due mondiale della videoconferenza dopo Cisco

Polycom, il secondo fornitore mondiale di sistemi di videoconferenza dopo Cisco, ha annunciato ufficialmente che il suo presidente e CEO Andrew Miller , in azienda dal 2009, ha dato le dimissioni dopo la scoperta “ di alcune irregolarità nell’inoltro delle spese”. Non sono stati resi noti i dettagli di queste irregolarità amministrative rilevate dal comitato di auditing all’interno del consiglio di amministrazione, ma Miller ha ammesso le sua responsabilità che non coinvolgono altri dipendenti e non hanno alcun impatto sulle dichiarazioni finanziarie della società.

TN-611853_AndyMillernew

Mentre parte la ricerca di un nuovo CEO , va ricordato come Miller sia approdato in Polycom dopo aver passato 11 anni con Cisco e come CEO di Tandberg, il fornitore europeo di soluzioni di video conferenza acquisito da Cisco nel 2010 per 3,3 miliardi di dollari . A Cisco viene attribuita una quota di mercato del 43,4 per cento davanti alla stessa Polycom con il 26,5 per cento in un mercato che IDC giudica in calo del 13 per cento nel 2012.

Polycom ha riportato nel suo più recente trimestre 345 milioni di dollari di fatturato e un profitto netto di 26 milioni ,oltre le aspettative degli analisti. Polycom sta tentando di espandersi con la sua offerta di software basato sulla piattaforma RealPresence in modo da raggiungere ogni tipo di client dai personal computer ai tablet , agli smartphone con una base anche in cloud.

Read also :