IBM, riprendono le voci di vendita dei server di fascia bassa

Enterprise

Ancora allo studio da parte di IBM di una vendita delle attività X86. E spunta anche il nome di Dell

Secondo fonti citate dal Wall Street Journal, IBM avrebbe rimesso sul mercato le attività dei suoi server di fascia bassa . E tra gli acquirenti potenziali spunta il nome di Dell. Va ricordato che la scorsa primavera IBM aveva già dato il via a negoziati per le vendita totale e o parziale a Lenovo delle sue attività X86. I negoziati di allora con Lenovo erano stati interrotti a causa di un disaccordo sul prezzo , 2,5 miliardi di dollari.

In questo momento non si sa se anche Lenovo è rientrata nella partita, ma ancora il mese scorso alcuni dirigenti di Lenovo avevano accennato al fatto che la società cinese stava studiando nuove politiche di espansione mediante acquisizioni. Nel 2005 IBM aveva ceduto a Lenovo la sua divisione PC per 1,25 miliardi dollari nel quadro di una strategia di uscita dalle attività a basso margine per concentrarsi su servizi e software.

Dell occupa la terza posizione nel ranking mondiale dei server dietro HP e IBM stessa e poterebbe recuperare terreno sul settore dei server X86 anche se si tratta di prodotti ormai a marginalità molto bassa per chi li fornisce. Dell, ritornata libera di agire come impresa non quotata, ha beneficiato nel terzo trimestre dell scorso anno di una crescita del 10 per cento della cifra d’affari e ha segnato prestazioni largamente migliori rispetto a un mercato a crescita piatta.

IBM d’altra parte è alle prese con un rallentamento dell’area mainframe in ambito server. IBM non pubblica dati disaggregati per le sue operazioni X86 , ma una stima di Morgan Stanley indica 4,9 miliardi di dollari per il 2012 su un totale di 15,4 miliardi di dollari per tutta la gamma server di Big Blue.

Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore