Huawei, spinta sull’eLTE per il business

Enterprise
Roberto Loiola, VP Huawei Western Europe

La Divisione Enterprise di Huawei è cresciuta del 32% nel 2013 e punta ad essere responsabile del 15% del fatturato dell’intero gruppo entro il 2017. Ne parliamo con Roberto Loiola, vice president Huawei Western Europe, che sottlinea l’importanza di un portafoglio prodotti recentemente rinnovato, anche con offerta di enterpriseLte per le aziende. Presentati oggi i risultati finanziari del 2013 dal Ceo, Eric Xu

Pesa 2.5 miliardi di dollari la divisione enterprise di Huawei sul fatturato complessivo del gruppo che nel 2013 è stato pari a 39.5 miliardi.  Una divisione che nel 2013 raccoglieva il 6% del fatturato e che si pone l’obiettivo di crescere fino a pensare il 15% dell’intero giro d’affari entro il 2017. “La torta sarà poi così suddivisa: il 60% del business Huawei continuerà ad essere legato al mondo dei carrier e delle reti, il 25% arriverà dal mondo consumer e il 15% alla parte enterprise che ha un mercato potenziale enorme ancora da aggredire”.
E’ Roberto Loiola, vice president Huawei Western Europe, a dettagliare la strategia di una divisione che nata nel 2010 fatturava 0.88 miliardi di dollari, per passare nel 2011 a 1.46, nel 1012 a 1.87 e nel 2013 a 2.5 miliardi grazie alle spinta verso il cloud da parte delle aziende e alle opportunità offerte dai big data. “Il fatturato 2013 della divisone enterprise è cresciuto del 32% grazie  all’investimento cospicuo fatto nel portafoglio prodotti, che farà da traino anche per raggiungere gli obiettivi del 2017”  precisa. Le tre aree di sviluppo saranno l’enterprise mobility “che uscirà dai confini tradizionali”, l’evoluzione delle reti di comunicazione nell’ottica del software defined network (SDN) e il cloud in datacenter  pensati (anche) in-a-box per le aziende di ogni dimensione. Il tutto nell’ottica di rispecchiare la strategia  “Connecting Business Opportunities in a better way”.

Roberto Loiola, VP Huawei Western Europe
Roberto Loiola, VP Huawei Western Europe 

Ed è sui nuovi prodotti, recentemente presentati al Cebit di Hannover che Sergio Gianotti, sales & marketing Director Enterprise Business Group in Italia, mette l’accento per raggiungere il target del 2017: gli ambiti di sviluppo riguardano l’Agile Networking, il cloud computing, il data center storage, fino a collaboration & mobility destinati al mercato enterprise.

Andiamo per punti. In ambito Agile Networking, per far fronte all’insufficienza delle capacità di elaborazione di reti aziendali vecchie, Huawei ha presentato una nuova gamma di switch – Agile Switches S12700 – che supporta Jumpo Frame Etherner, SDN, Internet of Thing e Byod. “Sono soluzioni in grado di garantire il supporto end to end all’interno della rete enterprise e sono una porta di ingresso per il mondo dei data center, anche nell’ottica di data center in a box, che sposano sia le richieste delle grandi aziende sia quelle delle piccole imprese che cercano soluzioni scalabili e di cloud distribuito. La nostra architettura trasparente permette di realizzare data center intelligenti e snelli” precisa Gianotti. Fa parte di questa offerta anche FusionCube – un sistema di converged infrastructure – che grazie all’architettura hardware integrata nel montaggio di 12 U server blade, ospita dispositivi di storage distribuiti, switch, una piattaforma di virtualizzazione e un software di gestione cloud. Per lo storage l’offerta si allarga anche con Huawei OceanStor 18000, una piattaforma per data center caratterizzata da virtualizzazione, cloud ibrido, IT semplificato e basse emissioni di carbonio.

Tra le novità di particolare rilevanza per le aziende la soluzione enterprise eLTE 3.1 Broadband Trunking  che offre tecnologie Lte al mondo business guardando in particolare a diversi settori nella pubblica amministrazione, dall’energia, ai trasporti, alle smart city. “Essere fornitori di Lte per il mondo enterprise significa anticipare anche alcuni trend di mercato con l’obiettivo di aumentare l’efficienza operativa delle reti presso i clienti, assicurando comunicazioni stabili anche in situazioni critiche e di emergenza – argomenta Loiola -. Il mondo Lte fino ad oggi è stato tarato sulle reti mobile a larga banda per milioni di utilizzatori consumer. Noi vogliamo garantire un’offerta ritagliata per le aziende e garantire un utilizzo a prezzo ridotto anche in ambito enterprise in contesti dove la mobilità rimane importante: aeroporti, sicurezza urbana, smart city…”. Abbinata ai sistemi di videoconferenza e telepresenza di Huawei e Tetra, la soluzinoe eLTE può essere utile per affrontare anche situazione di emergenza garantendo la comunicazione audio e video (terremoti, disastri naturali…).

Una nota importante ribadita da Loiola riguarda l’alleanza con Sap, per offrire attraverso un’appliance  – la soluzione Huawei FusionCube per Sap Hana – maggiore capacità elaborativa alla tecnologia in memory computing, anima di Sap Hana, migliorando la memoria interna della piattaforma tecnologica. Sono in via di definizione anche ulteriori accordi con altri vendor, perché le alleanze globali come quelle già in essere con Sap e Intel rimangono un asset strategico per Huawei.

Oggi sono stati rilasciati anche i risultati finanziari del 2013. “Huawei ha sostanzialmente raggiunto tutti gli obiettivi di business per il 2013 –  ha commentato Eric Xu, Ceo di Huawei -. La nostra rilevante presenza globale ci ha aiutato a raggiungere una crescita stabile e costante nelle tre Business Unit: Carrier, Enterprise e Consumer. I dati confermano anche quanto raccontanto da Loiola: nel 2013, la divisione Carrier di Huawei ha registrato un fatturato di 27,5 miliardi di dollari, in crescita del 4% rispetto al 2013. I ricavi della divisione Enterprise e Consumer sono aumentati in modo considerevole, rispettivamente del 32,4% e 17,8%, per un fatturato di circa 2,5 e 9,4 miliardi di dollari. Il 65% del fatturato del 2013 è stato registrato da mercati al di fuori della Cina, mentre nel mercato locale ha registrato circa 13,9 miliardi di dollari di fatturato, in crescita del 14,2 % anno su anno.

 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore