Gartner, i 10 trend strategici per il 2019

EnterpriseMobilityProgetti

Gli analisti di Gartner identificano i trends strategici per il 2019 in modo trasversale tra le diverse industry

Gartner definisce come trend strategici quei trend tecnologici con un sostanziale potenziale di rottura in grado di superare le limitazioni tipiche delle novità emergenti e che quindi possono vantare un impatto di utilizzo più ampio, o marcano trend di crescita sensibili in grado quindi di cambiare in tutto o in parte gli scenari.

Il pilastro portante nei prossimi anni, come è noto, continuerà ad essere il cosiddetto Intelligent Digital Mesh. Si parla di maglia/rete digitale intelligente identificando i benefici dati dalla convergenza di temi come l’AI, IoT, machine learning, edge computing. Gartner preferisce inoltre focalizzare 10 trend chiave strategici. Sono i seguenti.

Autonomous Things

Gli oggetti autonomi, come robot, droni e veicoli autonomi, utilizzano l’AI per automatizzare funzioni precedentemente svolte dall’uomo. La loro automazione va oltre quella fornita da rigidi modelli di programmazione e sfrutta l’AI per offire comportamenti avanzati che interagiscono in modo più naturale con l’ambiente circostante e con le persone.

La direzione di sviluppo attuale va verso la costituzione di uno sciame di oggetti ‘collaborativi’ tra loro. Un esempio applicativo nell’ambito della logistica:la soluzione più efficace potrebbe essere quella di utilizzare un veicolo autonomo per spostare i pacchi nell’area di destinazione. Robot e droni a bordo del veicolo potrebbero quindi garantire la consegna finale del pacco.

Augmented Analytics

L'”analisi aumentata” utilizza strumenti di apprendimento automatico (ML) per trasformare il modo in cui gli analytics sono sviluppati, consumati e condivisi. Le capacità di analisi aumentata nel 2019 andranno in mainstream: le intuizioni nuove degli analytics saranno integrate anche nelle applicazioni aziendali – ad esempio, quelle dei reparti Risorse Umane, Finanza, Vendite, Marketing, Customer Service, Acquisti e Asset Management.

L'”analisi aumentata” automatizza il processo di preparazione dei dati, la generazione e la visualizzazione degli insight, eliminando la necessità di data scientist professionisti in alcune situazioni.

Sviluppo guidato dell’AI

L’AI sarà sempre più pervasiva nei diversi ambiti

Il mercato si sta rapidamente spostando da un approccio in cui i data scientist professionisti devono collaborare con gli sviluppatori di applicazioni per creare la maggior parte delle soluzioni di AI-enhanced ad un modello in cui lo sviluppatore può operare da solo utilizzando modelli predefiniti forniti come servizio.

Questo fornisce allo sviluppatore un ecosistema di algoritmi e modelli di AI, oltre a strumenti di sviluppo su misura per integrare le capacità e i modelli di AI in un’unica soluzione. Un altro livello di opportunità per lo sviluppo di applicazioni professionali si presenta quando l’AI viene applicata al processo di sviluppo stesso per automatizzare varie funzioni di data science, sviluppo di applicazioni e testing. Entro il 2022, almeno il 40% dei nuovi progetti di sviluppo di applicazioni avrà co-sviluppatori di AI nel loro team.

Arrivano i gemelli digitali

Il gemello digitale si riferisce alla rappresentazione digitale di un’entità o sistema del mondo reale. Entro il 2020, secondo le stime di Gartner, ci saranno più di 20 miliardi di sensori e endpoint collegati e i gemelli digitali esisteranno per miliardi di cose. Le organizzazioni all’inizio implementeranno i gemelli digitali semplicemente. Li evolveranno nel tempo, migliorando la loro capacità di raccogliere e visualizzare i dati giusti, applicare le corrette analisi e regole per rispondere efficacemente agli obiettivi di business.

L’edge potenziato

Il termine edge si riferisce a dispositivi endpoint utilizzati dalle persone o incorporati nel mondo che ci circonda. L’Edge Computing descrive una topologia informatica in cui l’elaborazione delle informazioni, la raccolta e la distribuzione dei contenuti sono posizionati più vicino a questi endpoint. Questo per mantenere il traffico e l’elaborazione nel posto più opportunto, con l’obiettivo di ridurre il traffico e la latenza.

Nel breve termine, edge sarà prerogativa di sviluppo in ambito IoT con la necessità di mantenere l’elaborazione vicino al bordo piuttosto che su un server cloud centralizzato. Tuttavia, invece di creare una nuova architettura, il cloud computing e il edge computing si evolveranno come modelli complementari, con servizi cloud gestiti come servizio centralizzato, non solo su server centralizzati, ma anche su server distribuiti.

Assaggi di futuro con Via Edge AI – Motore di inferenza per reti neurali per accelerare le applicazioni di inferenza native e l’apprendimento profondo nei dispositivi Edge AI di nuova generazione.

Nei prossimi cinque anni, i chip AI, insieme ad una maggiore potenza di elaborazione, storage e altre capacità avanzate, contribuiranno alla generazione di una più ampia gamma di dispositivi edge. L’estrema eterogeneità di questo mondo embedded dell’IoT e i lunghi cicli di vita degli asset, come i sistemi industriali, creeranno importanti sfide gestionali.

A lungo termine, con la maturazione di 5G, l’ambiente informatico all’avanguardia in espansione beneficerà di una rete di comunicazione più solida. 5G porterà una latenza più bassa, una larghezza di banda più elevata e (cosa molto importante per i bordi) un drastico aumento del numero di nodi (edge endpoint) per km quadrato.

Le esperienze immersive

Le piattaforme conversazionali stanno cambiando il modo in cui le persone interagiscono con il mondo digitale. La realtà virtuale (VR), la realtà aumentata (AR) e la realtà mista (MR) stanno cambiando il modo in cui le persone percepiscono il mondo digitale. Questo cambiamento combinato nei modelli di percezione e interazione porta alla futura esperienza utente immersiva.
L’esperienza multicanale sarà abilitata dal potenziamento di tutti i sensi umani e i “sensi” avanzati del computer (come calore, umidità e radar) attraverso i dispositivi multimodali.

Blockchain

Blockchain, in sintesi un libro mastro distribuito, promette di rimodellare le industrie attraverso la registrazione di transazioni trasparente, riducendo l’attrito tra gli ecosistemi aziendali, abbassando potenzialmente i costi, riducendo i tempi di regolamento delle transazioni e migliorando il flusso di cassa. Oggi, la fiducia viene riposta in banche, governi e molte altre istituzioni come autorità centrali, con le registrazioni contenute in modo sicuro solo nei loro database. Il modello di fiducia centralizzata determina nelle transazioni ritardi e costi di attrito. Blockchain fornisce una modalità fiduciaria alternativa ed elimina la necessità delle autorità centrali nell’arbitraggio delle transazioni.

Una ipotetica rete blockchain per la gestione della supply chain

Cosa cambiera? Molte iniziative di blockchain oggi non implementano tutti gli attributi della blockchain – per esempio, un database altamente distribuito. Queste soluzioni ispirate alla blockchain sono posizionate come mezzo per raggiungere l’efficienza operativa automatizzando i processi aziendali o digitalizzando i record.

Hanno il potenziale per migliorare la condivisione delle informazioni tra entità conosciute, così come per migliorare le opportunità di tracciare le risorse fisiche e digitali. Tuttavia, questi approcci perdono il valore dirompente di blockchain e possono aumentare il vendor lock-in. Le organizzazioni che scelgono questa opzione dovrebbero comprendere i limiti di una scelta parziale in questo ambito e sposare un uso più efficiente delle tecnologie blockchain.

Gli spazi intelligenti

Uno spazio intelligente è un ambiente fisico o digitale in cui gli esseri umani e i sistemi tecnologici interagiscono in ecosistemi sempre più aperti, connessi, coordinati e intelligenti. Elementi multipli – tra cui persone, processi, servizi e cose – si uniscono in uno spazio intelligente per creare un’esperienza più coinvolgente, interattiva e automatizzata per un insieme di persone e scenari industriali.

E’ una tendenza consolidata da tempo attorno all’idea di smart city, i luoghi di lavoro digitali, le case intelligenti e le fabbriche collegate. Gartner crede che il mercato stia entrando in un periodo di implementazione robusta spazi intelligenti e che la tecnologia stia diventando parte integrante della vita quotidiana.

L’etica digitale e la privacy

L’etica digitale e la privacy sono una preoccupazione crescente per gli individui, le organizzazioni e i governi. Le persone sono sempre più preoccupate di come le loro informazioni personali vengano utilizzate dalle organizzazioni sia nel settore pubblico che in quello privato e chi non affronta questi problemi in modo proattivo si troverà presto a far fronte a gravi problemi.

Secondo Gartner, qualsiasi discussione sulla privacy dovrà essere basata sul più ampio tema dell’etica digitale e sulla fiducia di clienti, elettori e dipendenti. Mentre la privacy e la sicurezza sono componenti fondamentali per costruire la fiducia, la fiducia è in realtà qualcosa di più di questi componenti. In definitiva, la posizione di un’organizzazione sulla privacy dovrà essere guidata dalla sua posizione più ampia sull’etica e la fiducia. Il passaggio dalla privacy all’etica porta la conversazione oltre il concetto di “siamo conformi” verso quello espresso da “stiamo facendo la cosa giusta”.

Il Quantum Computing

Il Quantum Computing (QC) è una tipologia di computing che opera sullo stato quantico di particelle subatomiche (per esempio, elettroni e ioni) che rappresentano l’informazione come elementi indicati come bit quantistici (qubit).

L’esecuzione parallela e la scalabilità esponenziale dei computer quantistici determina la loro eccellenza nella soluzione di problemi troppo complessi per un approccio tradizionale o dove un algoritmo tradizionale richiederebbe troppo tempo per trovare una soluzione. Industrie come l’industria automobilistica, finanziaria, assicurativa, farmaceutica, militare e di ricerca hanno i maggiori benefici dai progressi del controllo di qualità.

Nell’industria farmaceutica, ad esempio, il QC potrebbe essere utilizzato per modellare le interazioni molecolari a livello atomico per accelerare il time-to-market di nuovi farmaci antitumorali e ancora il QC potrebbe accelerare e prevedere con maggiore precisione l’interazione delle proteine che porta a nuove metodologie farmaceutiche. Secondo Gartner Cio e Leader dovrebbero iniziare a pensare alle soluzioni basate su Quantum Computing, almeno per comprendere la portata della rivoluzione che determineranno. Sarà possibile iniziare a sfruttarle non prima del 2023/2025.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore