IDC: lo storage su disco mondiale è in calma piatta

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Il rapporto Q2 2013 Disk Storage Systems Tracker rilasciato da Idc indica che per il secondo trimestre consecutivo a livello mondiale il mercato dello storage su hard disk ha mostrato un fatturato in declino dell’ 1 per cento

Grazie alla più stretta concorrenza nei prezzi tra i vendor del settore e sotto la pressione dell’adozione delle memorie flash di tipo NAND il fatturato del mercato dello storage su hard disk ha aggiunto un plafond di periodo. Una prova in più dell’attenzione che ormai i dipartimenti IT riservano allo storage allo stato solido.

Il rapporto Q2 2013 Disk Storage Systems Tracker rilasciato da Idc indica che per il secondo trimestre consecutivo a livello mondiale il mercato dello storage su hard disk ha mostrato un fatturato in declino dell’ 1 per cento con vendite che hanno toccato i 5,9 miliardi di dollari. Nel secondo trimestre dell’anno il mercato totale dei sistemi di storage ( interno ed esterno ) ha generato un fatturato di 7,7 miliardi di dollari con un calo del 5 per cento rispetto al medesimo periodo dello scorso anno e un leggero scivolamento rispetto al primo trimestre dell’anno.

Diverso il panorama se si considerano le capacità di storage vendute che non sono state toccate dal calo del fatturato. Il dati continuano a crescere a rotta di collo e devono pur risiedere da qualche parte. La capacità totale di storage su disco consegnata ha raggiunto 8,2 Exabyte con una crescita del 21,5 per cento anno su anno.

Ancora un volta – fanno notare gli analisti di Idc – le spesa per i sistemi di storage su disco varia in maniera considerevole in funzione della regione geografica con una riduzione nei mercati maturi ( Usa, Europa, Canada e Giappone) .

EMC consolida una leadership di mercato che dura ormai da un decennio con una quota di mercato del 31,3 per cento , seguita da Netapp e Ibm che lottano per il secondo con il 13,3 e il 12,6 per cento di market share . HP finisce al quarto posto con il 10 per cento di quota di mercato per fatturato, mentre Dell e Hitachi lottano per il quinto posto con una quota superiore al 7 per cento.

Il rapporto di Idc passa poi all’analisi dei singoli mercati. Il mercato totale dei sistemi aperti di storage su disco collegato in rete ( NAS più SAN non in ambiente mainframe) vale 5,2 miliardi di dollari. Anche qui leadership di EMC ( 34,1 per cento) seguita da Netapp ( 15,2 per cento). Il mercato delle SAN open vede ancora un volta EMC guidare la corsa con quasi il 30 per cento del mercato davanti questa volta a Ibm . Seguono HP e Netapp.

Il mercato dei sistemi NAS è cresciuto del 2,5 per cento anno su anno e vede EMC con il 46,3 per cento prevalere su Netapp con il 30,8 per cento,