Gartner: per PC, tablet e mobile phone insieme una crescita del 6 per cento nel 2013

EnterpriseFisco e Finanza

I trend 2013 per i mercati PC, tablet e smartphone

Le forniture di PC tradizionali sono destinate a scendere del 10,6 per cento nel corso di quest’anno , mentre quelle riguardanti i tablet saliranno del 68 per cento. Questa la sintesi di un rapporto di Gartner che segnala come a livello mondiale tutti i client ( insieme PC, tablet e mobile phone) arriveranno a 2,35 miliardi di unità nel 2013 con un incremento complessivo del 6 per cento sul 2012. Ma il mercato è guidato dalle vendite di tablet e smartphone, molto meno dai portatili , mentre le vendite di PC declineranno inesorabilmente.

gratnertab

Nel dettaglio i personal computer tradizionali ( desktop e notebook) saranno venduti per un totale di 305 milioni di unità a livello mondiale con un calo del 10,6 per cento dal 2012. L’intero mercato PC – comprendendo anche i PC ultra mobili (ultramobile) – scenderà del 7,3 per cento nel 2013. Le consegne di tablet saliranno quasi del 68 per cento per un totale di 202 milioni di unità. Anche i cellulari cresceranno del 4,3 per cento per un volume di 1,8 miliardi di unità. Un fenomeno divenuto chiaro già nel primo trimestre di quest’anno in cui il secco calo del vendite di PC significa un cambiamento delle preferenze di consumatori e una riconfigurazione del canale di vendita che intende fare spazio ai nuovi prodotti che arriveranno sul mercato nella seconda metà dell’anno.

La domanda per quelli che Gartner definisce dispositivi ultramobile ( Chromebook, , tablet e ibridi con Windows 8, ultrabook ) arriverà come aggiornamento di esigenze da parte degli utenti che già usano tablet di fascia alta. La domanda sale per il resto dell’anno favorita anche dalla disponibilità di processori Intel di nuovo design come Bay Trail e Haswell in grado di far girare Windows 8.1. Più che far aumentare i volumi di vendita questi dispositivi ultramobile aiuteranno ad accrescere i margini dei vendor con prezzi medi di vendita più alti.

Il fenomeno mondiale più evidente per tablet e smartphone è il passaggio dei consumatori dai modelli premium di fascia alta a quello con caratteristiche più di base. Questa fascia di device crescerà secondo Gartner in maniera più elevata del previsto sulla falsariga che sta avvenendo per i tablet iOS in cui gli iPad Mini rappresentano già il 60 per cento del totale del vendite di tablet iOS nel primo trimestre di quest’anno.

gartnertab2

Gartner prevede una polarizzazione della preferenza tra tablet di base e ultramobile molto raffinati. Un fenomeno di allungamento del ciclo di vita e di utilizzo dei device è evidente invece anche per gli smartphone con i consumatori che attendono sempre più nuovi modelli e prezzi inferiori procrastinando gli acquisti almeno fino alla fine dell’anno. Qui inoltre margini e prezzi sono in calo. I vendor sono alle prese con quello che Gartner definisce un processo di occupazione omogenea del mercato con tablet e smartphone, Qui la parte del leone lo fa l’ecosistema iOS di Apple, mentre il 90 per cento delle vendite di Android si realizza attraverso smartphone e l’80 per cento delle vendite si realizza per Microsoft in area PC.

In azienda il fenomeno BYOD è ormai rilevante. Secondo Gratner la percentuale di device di proprietà dei consumatori portati in azienda salirà dal 65 per cento del 2013 al 72 per cento nel 2017. Ora i dispositivi dovranno essere progettati in maniera significativa secondo le aspettative dei consumatori anche se utilizzati in un ambiente aziendale.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore