Arienti (Sap): Crescita del fatturato del 18% nel primo quarter

EnterpriseFisco e Finanza
Luisa Arienti, Amministratore Delegato SAP Italia

Luisa Arienti, amministratore delegato di Sap Italia, svela i numeri italiani di un’azienda che vuole essere b2b2c, cioé prossima al cliente, con il quale impostare progetti di ottimizzazione del business. Molti dei quali passano per la nuova suite S/4Hana

Complessità e innovazione sono i due aspetti che Luisa Arienti, amministratore delegato di Sap Italia, sottolinea come fondamentali per affrontare le sfide di oggi. Una complessità che deriva da un mercato dinamico dove le aziende richiedono sempre più strumenti di analisi dei dati per essere competitive, e che spinge le aziende a innovare, senza sottovalutare costi, opportunità e i trend della Digital Transformation (cloud, mobile, big data e networks).

Luisa Arienti, Ad Sap Italia
Luisa Arienti, Ad Sap Italia 

“Nella digital economy, che impone nuove regole per avere successo, i nostri clienti ci chiedono di semplificare i loro processi aziendali, rendendoli più efficienti e di affiancarli nei diversi percorsi di innovazione” precisa Arienti. Questo implica spingere sui concetti di cloud (che introduce accessibilità, flessibilità, potenza e Internet of Things); di business network, per creare relazioni sempre più profittevoli fra la catena di consulenti, clienti, fornitori e partner; di mobility, per garantire la possibilità di gestire attività critiche indipendentemente dal luogo e infine di analisi dei dati. “Sono aree in cui negli ultimi cinque anni abbiamo investito con Sap Hanacontinua Arienti – gestendo il business in tempo reale nel rispetto delle richieste del cliente, sia in modalità cloud sia on-premise”, un’offerta che beneficia anche delle tecnologie portate in casa con le acquisizioni come quelle di Ariba, Concur e Fieldglass che sono andate ad arricchire le competenze in ambito business network.

“Lo scorso anno molti nostri clienti hanno intrapreso dei percorsi importanti di innovazione, come Enel, Calzedonia, Piaggio e Trenitalia esempi che calzano nel mondo delle utility, del retail e della produzione. Complessivamente Sap ha aumentato del 70% le vendite in Italia relative a Sap Hana e soluzioni mobile, crescendo del 250% in ambito cloud. Un trend confermato anche nei primi trimestre del 2015 e che ha avuto un ulteriore slancio grazie al rilascio recente della suite Sap S/4Hana, “che collega persone, dispositivi e reti aziendali in tempo reale per sostenere i nuovi modelli di business” dichiara Zoran Radumilo, Innovation Sales Director di Sap Italia.

“Chi pensa che Sap sia ancora una Erp company si sbaglia, non lo è più: guardiamo con sempre più determinazione verso cloud e mobility. Nel software siamo cresciuti del 56% nel Q1 di quest’anno rispetto allo stesso periodo del 2014 e Hana rappresenta il 50% di questo risultato. Ogni anno il fatturato software, di cui Hana & Mobility sono una parte, registra una crescita: nel 2013 era stata del + 14%, lo scorso anno del + 15%. Stiamo vivendo in azienda un momento magico perché siamo nel vivo di una trasformazione interna allineata con i trend di mercato e con le esigenze dei clienti”.

Centralità del cliente messa in luce anche durante l’evento di Cernobbio, il Sap Executive Summit a inizio marzo, che ha coinvolto più di cento responsabili di business sulla tematica dell’economia digitale, il nuovo contesto in cui le aziende operano e che richiede dinamiche e processi innovativi. Il business, sempre più interconnesso con i temi della digitalizzazione, richiede attenzione al consumatore finale. “Nella mia visione non esiste più il b2b ma il b2b2c che porta le aziende a sedersi con i clienti per dare soddisfazione al consumatore finale, sempre più raffinato e competente. Noi siamo un’azienda di questo tipo.
I numeri complessivi –  si parla di 130 milioni di utenti mobili, 300 mobile app,  2000 start up che utilizzano Sap Hana, 6000 clienti di Sap Hana, 2000 della suite, più di 70 milioni di utenti di SAP Cloud Solutions – motivano Arienti a puntare anche sulla crescita per il 2015. Il trend è da qualche anno positivo: nel 2013 il fatturato italiano era cresciuto dell’8%, lo scorso anno dell’11% e nel primo trimestre di quest’anno già si registra un + 18%.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore