Dell , seri contrasti alla proposta di buyout del fondatore

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Michael Dell deve affrontare la proposta alternativa al buyout della società da parte di Icahn e Southeastern

Se i dirigenti di HP non ridono neppure Michael Dell può essere di buon umore. Il tentativo di Michael Dell di ricomprare la società che porta il suo nome per 24,4 miliardi di dollari e privatizzarla , dopo l’assedio da parte di azionisti insoddisfatti e offerte concorrenti , trova un altro ostacolo. Ora sono entrati in azione non solo a parole due oppositori di sempre, il magnate Carl Icahn e Southeastern Asset Management. Il tentativo è di obbligare il consiglio di amministrazione della società a portare all’assemblea degli azionisti fianco a fianco le due proposte alternative.

La nuova offerta in un lungo documento viene definita largamente superiore a quella di Michael Dell che i rivali definiscono come un accordo per regalare la società: “ Questa società ha sofferto da troppo tempo per decisioni che vanno in una direzione sbagliata da parte del Board e dai suoi dirigenti. Permettiamo agli azionisti di scegliere da soli sulle due offerte”.

Dell , una società colpita insieme ad altre dalla crisi del mercato PC , sta tentando di trasformarsi in una società di soluzioni IT e di servizi. Dell ha investito internamente e con acquisizioni ormai numerosissime nei settore networking, storage, sicurezza, servizi. Ichan e Southeastern Asset Management rappresentano il 13 per cento delle azioni sono in lotta contro il prezzo della proposta Dell di 13,65 dollari per azione. Nella proposta di Icahn gli azionisti riceverebbero a scelta un dividendo di 12 dolalri per azione o 12 dollari in azioni addizionali per 1, 65 dollari ad azione. Il duo che fa la proposta ha già dichiarato di scegliere le azioni . La proposta verrebbe finanziata con la liquidità di cassa della società e circa 5,2 miliardi di dollari di nuovi debiti.

Il buyout di Michael Dell viene definito come opportunistico, mentre vengono minacciate azioni legali se la proposta non vien presentata agli azionisti. Ma secondo questo gruppo di azionisti la società Dell e i suoi 29 anni di storia richiedono un nuovo CEO per portare a termine una trasformazione in cui anch’essi credono.

Il consiglio di amministrazione di Dell ha risposta con un documento altrettanto lungo chiedendo chiarezza su alcuni punti , soprattutto sui dettagli finanziari . In particolare ha chiesto di avere una risposta esplicita su questo : si tratta di una reale proposta di acquisizione oppure di una proposta alternativa nel caso quella di Dell con il fondo SilverLake non fosse approvata?

 

Read also :