Cloud computing in salsa emergente

Enterprise

Ibm apre in Oriente e in Brasile quattro nuovi centri dedicati alle tecnologie di ottimizzazione delle risorse computazionali

Trasferta elaborativa, globalizzazione computazionale, nuove logiche di scala: si può giocare con le definizioni ma la strategia intrapresa da Ibm è chiara: allargare la propria proposizione sui mercati emergenti ovvero Brasile, India, Korea e Vietnam, a partire dall’inaugurazione di quattro centri di Cloud Computing attraverso cui offrire risorse informatiche consistenti secondo un modello remotizzato che concilia massime prestazioni con investimenti razionalizzati in termini di infrastrutture e di consumi.

San Paolo, Bangalore, Seoul e Ho Chi Minh sono dunque le nuove sedi d’elezione di Ibm, che rivolgendosi a ogni tipo di mercato, rilanceranno un nuovo modello di Enterprise Data Center, già proposto con successo a Dublino, a Pechino, a Johannesburg, a Tokio in Giappone e in North Carolina.

Il valore dell’investimento in termini economici si è tradotto in oltre 200 ricercatori full-time e 100 milioni di dollari. Tra i primi clienti a utilizzare i nuovi centri cloud computing vi è l’Association for Promotion of Brazilian Software Excellence (Softex) e la vietnamita Vntt (Vietnam Technology and Telecommunications)

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore