Bert, il super regolatore delle Tlc europee

Enterprise

Gli eurodeputati hanno suggerito la creazione di una struttura leggera e poco coercitiva che riunisca le authority nazionali

Si pensava a un “super gendarme” europeo sulle telecomunicazioni e invece eurodeputati e Stati membri hanno preferito dare indicazione per la creazione di una struttura leggera, che riunisca le 27 authority nazionali dell’Unione Europea.

Battezzato Bert (Body of European Regulators in Telecommunications), questo strumento risponde meglio alle esigenze di conoscenza del mercato, anche se permangono dubbi sul finanziamento, sul quale non sembra essere ancora stato trovato un accordo compiuto, anche se si parla di un’ipotesi di finanziamento congiunto da parte di tutti gli Stati membri.

Quanto al funzionamento, Bert dovrebbe porsi come intermediario fra la Commissione Europea e gli operatori nazionali, per analizzare dove nascono e come si creano i problemi di concorrenza, prima di agire con provvedimenti. Gli eurodeputati hanno comunque conservato l’idea di permettere a una Authority nazionale di forzare un carrier a creare una separazione stretta fra le attiità commerciali e la gestione della rete. Sono state tuttavia addolcite le condizioni di utilizzo di questo meccanismo, definito di “separazione funzionale”, che resta di ricorso estremo e deve essere approvato congiuntamente dalla Commissione e dal Bert.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore