Antirtrust UE-Google , una soluzione non è attesa prima di fine agosto

Enterprise

Google resta sotto indagine da parte della Commissione Europea . Tempi lunghi, ma negli USA è pace con la FTC

L’indagine antitrust in atto su Google da parte dell’Unione Europea continuerà almeno fino alla fine di agosto prima che venga presa una qualsiasi decisione su come procedere contro la società americana. Si tratta dell’opinione espressa in modo autorevole dal commissario europeo per la concorrenza Joaquin Almunia che ha confermato che la Commissione Europea sta studiando le carte e le proposte espresse da Google nel mese scorso.

I rimedi suggeriti da Google non sono stati resi noti e neppure se soddisfano in qualche misura i regolatori antitrust europei. In generale sembra che Google abbia offerto di contraddistinguere i suoi servizi da quelli della concorrenza nelle attività di ricerca online e di imporre maggiori restrizioni agli inserzionisti pubblicitari. Infatti le indagini UE si incentrano sulla posizione dominante di Google nel mercato della ricerca online e della pubblicità sul web.

Google è sotto indagine in Europa data la sua posizione dominante con un market share del 60 per cento nel mercato della ricerca distanziando Bing di Microsoft. I suoi concorrenti hanno accusato Google di favorire con i suoi algoritmi di ricerca i prodotti e di procurarsi un vantaggio illecito nel mercato della pubblicità via web. Un giudizio sfavorevole potrebbe comportare una multa fino al 10 per cento del fatturato annuale della società (potrebbe essere pari a 4 miliardi di dollari).

Invece negli Stati Uniti un’indagine analoga si è risolta nel gennaio scorso in favore di Google con un suo adeguamento su base volontaria alle richieste della FTC di cambiare alcune delle sue pratiche di business per risolvere le lamentele dei concorrenti.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore