BroadbandLaptopM2MMobilityNetworkSmartphoneTabletWorkspace

MWC 2018, le novità più importanti… In pillole

0

Dal 5G agli smartphone, dalla virtualizzazione delle reti a Internet of Things. Le novità più importanti a MWC 2018 per il B2B, ma non solo

Mobile World Congress quest’anno ha svelato appieno la propria natura di fiera B2B. Forse per il primo anno, davvero, gli smartphone non hanno rubato la scena ai trend più importanti in grado di influenzare non solo qualsiasi tipologia di industry, ma anche la vita di tutti i giorni.

L’arrivo oramai dietro l’angolo di 5G, i passi in avanti in ambito IoT, Realtà Aumentata e Virtuale, sono tasselli strettamente legati tra loro. Da qui la possibilità di declinare nuovi servizi in ogni ambito: Automotive, Smart Home, Smart Cities. Proponiamo quindi di seguito alcuni annunci e passaggi che abbiamo ritenuto cardine per questa edizione. Ci sono gli smartphone, certo, ma gli annunci hanno offerto anche la prova di un segmento davvero maturo, come già gli ultimi dati Gartner avevano fotografato che fosse.

MWC 2018, una finestra sul futuro 5G

Negli anni infatti MWC 2018 si è trasformata, semplicemente per abbracciare le novità che nel futuro avrebbero impattato non solo sull’esperienza degli utenti finali, ma direttamente anche sul business.

Non sono pochi infatti i vendor che vi partecipano e che si occupano di cloud, infrastrutture convergenti, Reti, sicurezza, mentre i trend che si sono fatti largo poco a poco sul mercato, hanno sempre trovato spazio in fiera: AI, automotive, realtà aumentata e virtuale, Internet of Things e… Più di tutto, come abilitatore di tutto, il 5G.

Con IFA (Berlino, per l’elettronica di consumo), il Mobile World Congress è forse l’appuntamento più importante dell’anno e sembra destinato a marcare sempre più fortemente la propria natura che è assolutamente B2B.
L’edizione 2018 per quanto riguarda la proposta “mobile” potrebbe rivelarsi un anno decisamente particolare. Per saperne di più…

Qualcomm, le anticipazioni sulla via del 5G

Qualcomm X24 LTE Modem

Qualcomm ha cavalcato e per tante tappe guidato l’evoluzione dei chipset modem (ancora prima di 3G e 4G), e oggi evidenzia come il passaggio al 5G rappresenti un momento di discontinuità nella continuità dell’evoluzione degli standard, per le potenzialità intrinseche di questa tecnologia agganciata anche ai processi produttivi. Invenzione, Condivisione, Standardizzazione rappresentano nell’approccio di Qualcommpassaggi fondamentali che hanno permesso l’accelerazione nei comparti in cui Qualcomm opera.

Non solo 5G e modem, ma anche IoTcpuper i device (la proposta Snapdragon su Windows 10s per esempio), automotive e Networking Rffe, con un modello di declinare la proposta orizzontale volto a mettere a disposizione le proprie tecnologie alle aziende, su licenza, per una maggiore pervasività e diffusione di una serie di brevetti cui spesso non si pensa (Keypad Lock, Airplane Mode sui cellulari per esempio, ma anche Assisted Gps e altri ancora)… Per saperne di più

VMware a MWC 2018, un’offerta IoT e 5G ad hoc per i CSP

Con l’arrivo del 5G i Communication Service Provider avranno bisogno di modernizzare, trasformare e far crescere il proprio business sfruttando ulteriormente le tecnologie di NFV. L’offerta di VMware a MWC 2018

Le tecnologie 5G, per la portata rivoluzionaria nello scenario produttivo, non sono assolutamente comparabili a quello che ha rappresentato il passaggio dalla connettività 3G a quella 4G. Con il 5G infatti si assiste, oramai il presente è quasi d’obbligo, a un effettivo cambio di paradigma. VMware, nel contesto di MWC 2018, pone l’accento sulle soluzioni a portafoglio per i Communication Service Provider (CSP) per offrire gli strumenti che consentano di costruire e lanciare nuovi servizi nel modo più veloce possibile.

Tre i punti chiave al centro degli annunci: VMwareevidenzia i benefici di implementazione di un’architettura MEC che offra ai CSP una piattaforma di infrastruttura condivisa per supportare più casi di utilizzo su rete mobile e fissa a bassa latenza. L’architettura MEC consente la creazione di servizi, l’automazione e la delivery nel data center core e edge… Per saperne di più…

Samsung Galaxy S9 e S9+, evoluzione intelligente

E’ difficile rivoluzionare concept, form-factor, proporre nuove tecnologie e ottenere sempre un doppio “effetto wow”. Tanto più in un comparto maturo, come quello degli smartphone, che restano però i i device “d’elezione” su cui contare per sfruttare tutti i nuovi servizi e su cui sostanzialmente approdano le novità tecnologiche più importanti, per cui in ogni caso, release dopo release si apprezza un’esperienza d’uso sempre migliorata.

Samsung Galaxy S9

La chiave di lettura Galaxy S9 e S9+ (con OS Android Oreo) è praticamente tutta qui, nessuna rivoluzione, una buona evoluzione per due prodotti finali che solo pochi anni fa forse si sarebbero potuti tranquillamente chiamare “Galaxy S8 e S8+ second edition”. Per saperne di più…

Italtel porta a MWC 2018 la realtà aumentata di i-EVS

In occasione di MWC 2018 Italtel presenta un’applicazione dedicata ai servizi mobili, abilitati dal 5G. L’applicazione si chiama i-EVS, è stata testata nell’ambito del progetto europeo 5G Essence inserito nel programma di Horizon 2020, che affronta i paradigmi di Edge Cloud computing e Small Cell as a Service, verso una piattaforma altamente flessibile, scalabile e 5G-ready.
Sarà quindi disponibile la demo che abilita servizi correlati alla realtà aumentata simulando un ambiente mobile reale.

Una delle criticità in questo ambito è indubbiamente quella della sostenibilità con i device portatili e i-EVS è stata pensata proprio per offrire migliori prestazioni di upload, minore latenza e maggiore durata della batteria dei dispositivi collegati. Per saperne di più…

La primavera degli smartphone Nokia “Pure Android”

HMD Global che detiene il business degli smartphone con il brand Nokia ha annunciato quattro nuovi modelli di smartphone tutti su piattaforma Android, si tratta di Nokia 8 SiroccoNokia 7 Plus, il nuovo Nokia 6 e un nuovo Nokia 1e la rivisitazione dell’antico Nokia 8110 in salsa 4G.
Innanzitutto si tratta di modelli in grado di spaziare su tutti i segmenti di mercato.

Si parte infatti dal modello top da quasi 800 euro, ma si arriva  anche al modello con un prezzo inferiore ai cento euro. Quindi HMD Global dispone ora di una proposta adatta a tutte le esigenze ma soprattutto sembra valorizzare – cosa che apprezziamo in modo particolare – la disponibilità di uno smartphone che si distingua per come è fatto e non per le personalizzazioni software del vendor, in questo caso assenti. Non è poco e probabilmente anche per le aziende può essere questo un fattore interessante. Per saperne di più…

Lenovo, da Yoga 730 al data center

Convertibili Yoga, Chromebook e ThinkSystem, Lenovo porta al Mobile World Congress una “vision” che tocca tutti gli ambiti tecnologici strategici, dal 5G al Data Center

Lenovo Yoga 730

Non di solo smartphone vive l’uomo… E così, in un’edizione di Mobile World Congress dove per la prima volta, forse, gli smartphone NON sono la cosa più importante, Lenovo propone uno sguardo alternativo di visione spostando l’attenzione verso altri trend, forse ancora di maggiore importanza (anche perché Motorola non ha portato qui annunci di nuovi modelli).

A Barcellona, l’azienda ha portato la sua offerta dispositivi smart AI, su tre componenti fondamentali dell’Intelligenza: Dati, Potenza di Calcolo e Algoritmi. Le tecnologie sono comunque declinate nei prodotti e così si va dall’attivazione vocale tramite le tecnologie AR e VR che entrano nei laptop convertibili Yoga, ai Moto Mods, e fino ai data center. Per saperne di più…

Il mondo connesso secondo Huawei

Per Huawei un’edizione che ben interpreta il “momentum 5G” con la presentazione di Huawei 5G CPE, e di un superlaptop ultraleggero come Huawei MateBoox X Pro, che ruba la scena agli smartphone

Giornate ricche di annunci, ma non più così ricche di smartphone, come negli anni precedenti. Ad anni alterni per esempio Huawei e Samsung hanno deciso di rinunciare a presentare qui il proprio top di gamma. E quest’anno a saltare l’appuntamento, rimandato a primavera, è Huawei per cui per Huawei P20 bisognerà attendere ancora qualche mese.

Tuttavia il vendor cinese è riuscito ugualmente a sorprendere con un triplo annunci: prima di tutto un laptop premium con display FullView (quasi senza cornici) il cui nome è Huawei MateBook X Pro, quindi un MediaPad M5 e, finalmente, un dispositivo che supporta lo standard di telecomunicazione 3GPP per il 5G. Si chiama appunto Huawei 5G CPE (Customer-Premises equipment). Per saperne di più

Read also :