Techus rinnova la gamma dei suoi sistemi NAS, dal Soho all’enterprise

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Una rinnovata offerta di sistemi NAS che partono dal mercato Soho per arrivare a quello enterprise sulla base del nuovo Techus OS 6

Con un’anticipazione di un nuovo di storage NAS a creare un nuovo punto di ingresso alla gamma e una rinnovata offerta di sistemi NAS che partono dal mercato Soho per arrivare a quello enterprise , Thecus aggiorna la sua proposta anche per il mercato italiano, il terzo più importante in Europa per la società taiwanese. L’anticipazione riguarda un piccolo sistema (N2310) a due bay per hard disk basato su un processore PowerPC  in grado di arrivare a una capacità di 8 TB che rappresenta per Thecus una variazione opportunistica rispetto alla tradizionale offerta basata su Linux e sulle CPU di casa Intel. I nuovi NAS già disponibili si aggiornano oltre che nell’hardware anche a partire dalla disponibilità di un nuovo sistema operativo , la versione 6 di Thecus OS che ingloba per le attività di backup su cloud una versione OEM del software di Acronis. Le unità NAS vengono proposte “nude” all’utenza attarverso una serie di reseller e VAR che possono poi popolare i sistemi con hard disk di costruttori e affidabilità diversa da scegliere in un catalogo di compatibilità e certificazioni che Techus mette a disposizione sul suo portale. I portale NAS App Center si popolerà inoltre nel tempo con una serie di applicazioni realizzate dai partner ( ce ne sono anche di italiane ) che avranno a disposizione anche un adeguato kit di sviluppo software.

Per la gestione dei sistemi anche in mobilità con smartphone e tablet iOS e Android Thecus aggiorna anche la sua app di utilità gratuita T-Onthego alla versione 3. Da segnalare la possibilità che offrono i nuovi sistemi di creare un indirizzo DDNS libero che consente agli utenti finali di accedere ai propri NAS tramite un indirizzo internet.

Thecus Vision
Thecus Vision 

 

Passando all’hardware una delle prime novità in evidenza è l’integrazione possibile di una connettività a 10 Gbps per i sistemi offerti al mercato aziendale in formato rack. Questi sistemi che portano la sigla N16000 possono essere configurati anche in High Availability. In partnership con la software house Netavis sono disponibili anche soluzioni specializzate (Visoguard) per la video sorveglianza che saranno introdotte sul mercato italiano attraverso un partner specializzato in questo tipo di soluzioni.

Thecus Soho
Thecus Soho 

 

Per il mercato Soho e della PMI nella gamma con gestione Intelligent NAS entrano nuovi sistemi a due e quattro bay ( N2520 e N4520) che integrano il Soc Intel CE5315 basato sul processore Atom. Per questi sono da segnalare la dotazione onboard di una protezione antivirus di McAfee e la presenza di una uscita HDMI che apre i sistemi NAS verso applicazioni multimediali anche di tipo domestico. I Thecus N2520/N4520 possono essere configurati come cloud personale. Sono in grado di archiviare fino a 8/16 TB della capacità di storage. Ma anche i provider di cloud service quali Dropbox, ElephantDrive e Amazon S3 sono completamente compatibili. Se si esegue il backup di dati sensibili sul cloud personale o lo streaming di film e musica dal NAS, gli N2520/N4520 offrono un facile accesso al cloud personale.

Read also :