Samsung e Western Digital segnano punti in campo storage

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La prima lancia l’unità SSD enterprise più capace al momento, la seconda porta lo storage a elio anche fuori dai datacenter

Samsung e Western Digital hanno portato due novità interessanti per chi si occupa di storage in azienda ma anche per i professionisti in generale. Per la casa coreana si tratta di una unità SSD ad alta capacità, per WD dell’estensione anche fuori dal mondo aziendale in senso stretto della tecnologia dei dischi a elio presentati qualche tempo fa.

La novità di Samsung Electronics è di netta caratterizzazione aziendale: si tratta dell’unità SSD da 2,5 pollici PM1633a, dalla capacità di ben 15 terabyte e con interfaccia Serial Attached SCSI (SAS). Non si tratta del vero primo annuncio perché il prodotto era già stato lanciato lo scorso agosto, ma ora è disponibile ed è destinato soprattutto a essere integrato nei dispositivi di storage a rack all-flash. Secondo Samsung questa versione è la prima di una vera e propria linea di SSD siglati PM1633a: nel corso dell’anno è previsto l’arrivo di versioni di taglio progressivamente “dimezzato” ma sempre per il mercato enterprise: 7,68, 3,84 e 1,92 TB; 960 e 480 GB.

L'Ultrastar He10 di WD dispone di un piatto in più rispetto ai classici sei
L’Ultrastar He10 di WD-HGST

I 15 terabyte della nuova unità sono stati ottenuti integrando 512 chip di memoria da 256 gigabit distribuiti in 16 strati. Samsung dichiara prestazioni da 1.200 MB/sec in lettura e scrittura (sequenziali) e da 200 mila IOPS in lettura random. Per la casa coreana si tratta di prestazioni doppie rispetto a una tipica unità SSD SATA e un migliaio di volte superiori rispetto agli hard disk SAS.

La novità Western Digital è invece l’estensione della tecnologia HelioSeal al di fuori della gamma di dischi propriamente enterprise a brand HGST. Sul mercato stanno per arrivare infatti dischi a elio da 8 TB delle linee WD Purple, Red e Red Pro, quindi destinati ad applicazioni diverse fra loro: secondo WD rispettivamente per applicazioni con registrazioni continue come la videosorveglianza, i NAS generici e i NAS ad alte prestazioni.

Western Digital non ha dato dettagli su quanto i nuovi dischi siano simili agli Ultrastar He8 di HGST. È prevedibile che alcune componenti siano uguali e che anche per i nuovi dischi WD abbia scelto la registrazione PMR. Le specifiche tecniche delle nuove unità saranno però disponibili solo al lancio commerciale previsto genericamente per il primo semestre.

Read also :